Il caffé fa bene o fa male? Dipende!

da , il

    Il caffé fa bene o fa male? Dipende!

    Il caffè è sempre stato una bevanda misteriosa: oggetto di svariati studi, mette in crisi sia i ricercatori che i consumatori, e voi, care dipendenti dalla caffeina, vi sarete poste sicuramente tante domande a riguardo. Fa bene o fa male? Quanti caffè si possono bere al giorno? Quand’è che iniziamo ad abusarne? Quali conseguenze porta al nostro organismo?

    E le donne più attente alla linea si saranno domandate: quante calorie contiene una tazzina di caffè? Il caffè fa ingrassare? Continuate a leggere e troverete tutte le risposte che cercate.

    Indubbiamente il caffè, se bevuto in quantità esagerate, può provocare dei danni all’organismo: ipertensione, aritmie, aumento del rischio di infarto (solo nei soggetti predisposti), stimolo della mucosa gastrica nelle persone che soffrono di gastrite e aumento delle probabilità di contrarre l’ulcera peptica. Ma se bevuto nelle giuste quantità (4-5 tazzine al giorno per un adulto sano che segue uno stile di vita equilibrato e che non consuma altri alimenti contenenti caffeina), il caffè può portare tantissimi benefici:

    • Per il fegato: una ricerca condotta dall’Istituto Pascale di Napoli ha dimostrato che bere due tazzine di caffè al giorno ridurrebbe di due volte il rischio di sviluppare un tumore al fegato, rispetto a chi ne beve meno o non ne beve affatto.
    • Per la memoria: la caffeina riattiva i centri della memoria e dell’attenzione, l’ha dimostrato uno studio dei ricercatori dell’Università di Innsbruck, secondo il quale vengono stimolate le aree del cervello che hanno più difficoltà a rimettersi in moto dopo il sonno.
    • Per i reni: il caffè stimola i reni, facilitando l’azione di urina.
    • È antiossidante: contiene acidi fenolici, in particolare l’acido 5-caffeolchinico, che possiedono un elevato potere antiossidante specie sul colesterolo LDL, il più dannoso per le arterie.

    Calcoliamo poi che una tazzina di caffè (senza zucchero!) contiene solo due calorie, apporto insignificante rispetto alle calorie da immettere nell’organismo durante la giornata. Da uno studio documentato risulta inoltre che, se si somministrano 3-4 caffè al giorno a consumatori non abituali, si eleva del 10% circa l’attività metabolica (e quindi la quantità di calorie consumate) in condizioni di riposo. Con questo non stiamo affermando che il caffè faccia dimagrire, ma che sicuramente favorisca il dispendio di energia.

    La questione cambia se preferite gustare un caffè molto dolce: con un cucchiaino di zucchero o una zolletta (6 grammi circa) si apportano 25,5 Kcal, quindi fate i vostri calcoli, e se siete a dieta non esagerate!

    Limitando l’uso dello zucchero, 4 caffè al giorno sono l’ideale per risollevare la vostra giornata:

    • Al mattino: agisce sui reni facilitando la formazione dell’urina e eliminando le sostanze di rifiuto dell’organismo;
    • Dopo pranzo: facilita la digestione;
    • Il pomeriggio: contrasta la fase discendente del ciclo sonno-veglia, il che è utile sopratutto quando si svolge attività fisica o sportiva;
    • La sera: sopratutto se si ha l’abitudine di lavorare dopo cena, agisce sui centri cerebrali, attivando la fantasia, l’immaginazione, l’associazione di idee.

    Quindi continuate pure a concedervi le vostre pause quotidiane al gusto di caffè: il vostro corpo ne trarrà solo tanti benefici.