Infertilità maschile: tra i rimedi naturali dieta mediterranea e fitness

da , il

    Infertilità maschile: tra i rimedi naturali dieta mediterranea e fitness

    L’infertilità maschile vedrebbe tra i rimedi naturali la dieta mediterranea e il fitness moderato. Lo rivela un illuminante studio della Harvard School of Public Health di Boston che dimostra come la dieta mediterranea possa aumentare la mobilità degli spermatozoi dell’11%. Un’alimentazione ricca di grassi può essere infatti la causa di una diminuzione degli spermatozoi, al contrario inserendo cibi come la frutta, la verdura e il pesce si può aumentare la fertilità maschile e quindi le possibilità di concepimento.

    Ora questo studio americano conferma che l’alimentazione mediterranea può essere un ottimo rimedio contro l’infertilità maschile perchè migliorerebbe la motilità degli spermatozoi e questo ancora di più se associato a moderato esercizio fisico. Questo analizzando i dati di un’altra ricerca scientifica e precisamente condotta dall’Università giapponese di Yamaguchi secondo la quale i soggetti maschi che praticano regolare e moderata attività di fitness, avrebbero una motilità migliore degli spermatozoi.

    Dopo la scoperta in fatto di fertilità femminile e della scoperta dell’enzima interruttore che sarebbe in grado di regolarla, oggi parliamo del problema della infertilità maschile e dello studio americano che illustra come seguendo un’alimentazione di tipo mediterraneo e praticando dello sport, ma svolto in maniera moderata, si possa migliorare la mobilità del seme maschile rendendolo più fecondo.

    Avevamo parlato tempo fa dell’infertilità maschile provocata da pc sulle gambe e pare proprio che uno stile di vita corretto sia una delle soluzioni per combatterla. In particolare un aiuto arriva dalla dieta di stampo mediterraneo che dovrebbe essere ricca di verdure a foglia verde, legumi e cereali. Bisogna dire comunque che i due studi, sia quello americano che quello giapponese, sono tuttavia ancora in fase sperimetale e sono stati presentati entrambi in Florida alla conferenza American Society for Reproductive Medicine (ASRM) ad Orlando, senza ancora essere stati pubblicati ufficialmente su una rivista scientifica.