Iniziare una dieta dimagrante: consigli per superare dubbi e difficoltà iniziali

da , il

    Il momento in cui si decide di iniziare una dieta dimagrante è sempre particolarmente difficile: molte donne sono consapevoli di dover perdere peso eppure rimandano la data di inizio per concedersi le ultime abbuffate e superare il blocco psicologico prima del “grande salto”. E’ normale aver alcuni dubbi prima di modificare il proprio regime alimentare a sottoporsi ad un percorso non privo di sacrifici, ma questo non deve scoraggiare e far perdere di vista il proprio obiettivo. Vediamo allora quali sono le paure e i dubbi più comuni a chi si appresta ad iniziare una dieta e come risolverli.

    Rinunce a lungo termine

    La cosa che più spaventa chi decide di mettersi a dieta è la sottoposizione forzata a rinunce a lungo termine: per questo psicologicamente spesso è più facile accettare l’idea di una dieta lampo, che prometta di perdere peso in pochi giorni. Non cedete a questa tentazione: rischierete di riprendere tutti i chili persi in una settimana. Le diete lampo vanno bene solo per soluzioni last second, ad esempio pochi giorni prima di una cerimonia in cui dovrete indossare un abito 42. Peraltro non è affatto vero che con una dieta lunga si fanno maggiori rinunce: scegliete un regime alimentare che vi conceda un giorno di strappo in cui mangiare un dolce, un piatto di patate fritte o bere un bicchiere di birra. Psicologicamente questo vi aiuterà a seguire la dieta dimagrante più a lungo e ad ottenere risultati duraturi nel tempo. Con una dieta di almeno un mese non dovrete fare rinunce esagerate ma semplicemente regolarizzare le vostre abitudini a tavola e nella vita quotidiana: fare piccoli ma frequenti pasti (6 al giorno), non saltare la colazione, pranzo o cena, non esagerare nei condimenti, non sdraiarsi nella fase postprandiale, fare attività fisica anche leggera etc.

    Perdita dell’appetito

    Avere appetito è bello: le persone inappetenti sono spesso fredde e poco passionali. Ma la dieta non vi trasformerà in quello che non siete. Non temete di perdere il gusto del cibo: al massimo, ed è auspicabile, vi si restringerà un po’ lo stomaco e questo vi aiuterà a ridurre le porzioni anche nella fase del mantenimento (per non riprendere subito tutti i chili persi).

    Ecco allora qualche trucco per ingannare la nostre psiche spaventata.

    Annunciate pubblicamente il vostro progetto di mettervi a dieta

    Dire alle vostre amiche e in famiglia che siete intenzionate ad iniziare la dieta vi sottoporrà alla giusta pressione psicologica per rispettare gli impegni presi. In caso contrario vi sentirete smascherate davanti a tutti nella vostra mancanza di polso.

    Prefissate un giorno preciso per iniziare la dieta e segnatelo sul calendario

    Se sapete di avere una cena entro pochi giorni aspettate quella data prima di iniziarela dieta dimagrante: nel frattempo cercate di “limitare i danni” cominciando ad abituarvi gradualmente ad un regime ipocalorico. No alle grandi ultime abbuffate prime di iniziare: lo stomaco si apre e soffrirete di più la fame. Alcune persone preferiscono cominciare di lunedì, perché l’inizio della settimana rappresenta una spinta in più al cambiamento. E’ una scelta del tutto personale anche se recenti studi sconsigliano di iniziare la dieta di martedì. C’è inoltre chi preferisce iniziare la mattina con la colazione e chi invece parte con una cena leggera.

    Fissatevi obiettivi a breve termine

    Non partite scoraggiate pensando che per un lungo e indeterminato periodo sarete costrette a rinunce drastiche. Ponetevi obiettivo a breve termine: pesatevi ogni settimana e vedrete che, una volta iniziati a vedere i risultati, sarete voi a voler continuare.