L’allergia ai gatti, si cura con un’iniezione

da , il

    L’allergia ai gatti, si cura con un’iniezione

    Il gatto è uno degli animali domestici più diffusi, infatti è molto facile trovare nelle case italiane uno o più di uno di queste simpatiche palle di pelo che sono adorati sia dagli adulti che dai più piccoli. Proprio questo delizioso e morbido pelo però può diventare un grosso guaio per la salute e un fastidio praticamente insopportabile compromettendo il nostro benessere, quando compare l’allergia. I sintomi sono comuni ad altre allergie come grandi starnuti, occhi lacrimanti e irritati. Il risultato è che il gatto è costretto ad un improvviso trasloco!

    Ma la scienza come sempre ci viene incontro e a proposito di questo argomento un recente studio potrebbe avere trovato la soluzione a quella che altrimenti sarebbe un’inevitabile separazione.

    Pare che in un futuro abbastanza prossimo basterà solamente una piccola iniezione per curare la fastiosa allergia, anche se non definitivamente. Lo ha scoperto un team di scienziati della McMaster University, che ha condotto uno studio, operando una prima prova sperimentale su 88 persone.

    “L’allergia ai gatti è una delle più frequenti, ed è la principale causa di asma nei bambini, con questa ricerca abbiamo definito una dose di base che può essere presa come punto di partenza per le prossime sperimentazioni” hanno osservato gli autori della sperimentazione.

    Le persone durante la sperimentazione, spiegata sulle pagine della rivista scientifica Journal of Allergy and Clinical Immunology, sono state sottoposte ad un vaccino ottenuto da una parte della proteina responsabile della reazione allergica. I primi risultati fanno ben sperare e aprono scenari interessanti e positivi per il futuro. Sembra infatti che la somministrazione del vaccino funzioni, iniettato per quattro volte nell’arco di un anno, può immunizzare dai fastidiosi sintomi per i dodici mesi, evitando gli effetti collaterali dei vaccini gia presenti sul mercato.