Latte crudo: il Ministero della saluta consiglia la bollitura prima del consumo

da , il

    Latte crudo: il Ministero della saluta consiglia la bollitura prima del consumo

    Il latte crudo deve essere bollito prima del suo consumo, se si vuole essere sicuri che in esso non siano presenti batteri. La bollitura del latte crudo, inoltre, va intesa come un processo lungo circa dieci minuti a partire dalla formazione della pellicola schiumosa.

    Il latte crudo è però ricco di principi nutritivi e, se bollito, perde gran parte di essi, e il latte pastorizzato, ritenuto sicuro dal Ministero della Salute, manca degli enzimi necessari all’assorbimento del calcio.

    Insomma, per il latte crudo sembrano essere poche le speranze di poterlo consumare senza problemi, dato che proprio le sue sostanze nutritive lo rendono un terreno fertile per l’insediamento dei batteri.

    Dal canto loro, molti allevatori parlano di complotto da parte delle lobby del latte pastorizzato, ritenuto infetto all’origine e contenete proteine dannose per i vasi sanguigni.

    Il latte crudo è quindi innocuo, o addirittura salutare? Al quesito non si può rispondere in questa sede, ma il fatto che ci siano opinioni contrastanti e nessuna prova definitiva a supporto di una di esse, rende lo spettro del lucro sempre incombente.