Liquirizia, una pianta con tante qualità

da , il

    Liquirizia, una pianta con tante qualità

    Pensando alla liquirizia certamente vi verranno in mente dolciumi, caramelle e liquori preparati usando gli estratti della radice di questa pianta. In realtà la liquirizia, una pianta erbacea perenne, della famiglia delle leguminose, ha numerosissime proprietà benefiche che vanno ben oltre la possibilità di impiego in specialità gastronomiche. Di origine quasi certamente asiatica, la liquirizia è conosciuta per le sue qualità da oltre 5000 anni, anche se in Europa è arrivata solo intorno al 1400, su iniziativa di alcuni frati domenicani.

    Gran parte delle sue caratteristiche benefiche sono legate al suo contenuto di glicirizzina, un edulcorante naturale presente in grande concentrazione nelle radici della pianta. Le proprietà che la liquirizia può vantare sono davvero tante e vanno da effetti emollienti, fino anche all’azione antivirale.

    Innanzitutto, infatti, la liquirizia è ideale anche per alleviare la tosse secca e alcuni sintomi dell’asma bronchiale ed ha un interessante effetto lassativo, dovuto alla mannite, uno zucchero privo di effetti collaterali capace di regolarizzare il transito intestinale in caso di stipsi.

    Il suo alto contenuto in flavonoidi la rende un ottimo antiossidante, utile per la lotta contro i radicali liberi, nemici dell’invecchiamento. Inoltre il suo effetto saziante la rende ideale come spezza fame nel corso di una dieta ipocalorica.

    Da non dimenticare, poi, il fatto che numerose ricerche scientifiche hanno dimostrato che non solo l’acido glicirizzico presente nelle sue radici può bloccare la replicazione nelle cellule dei virus associati ad alcune patologie polmonari, ma la glicirizzina sembra interferire anche con la crescita dell’herpes ed è utile nella lotta alle tossinfezioni alimentari.

    Attenzione però se siete avete problemi di pressione alta! La liquirizia ha anche un importante effetto ipertensivante che la rendono da sconsigliare in persone con problemi nel controllo della pressione arteriosa.