Musica a palla: giovani a rischio sordità

da , il

    Musica a palla: giovani a rischio sordità

    La musica a palla, espressione gergale che sta semplicemente a indicare musica ad alto volume, è la causa di uno dei rischi per la salute dei giovanissimi: la sordità. Ma non è la sola. Bisogna aggiungere, infatti, l’uso massiccio di nuove tecnologie come l’iPod e i diversi modelli di auricolari. In America è già allarme: un teenager su cinque soffre di perdita di udito. I risultati dello studio condotto dal Brigham and Women’s Hospital di Boston e resi pubblici sulle colonne autorevoli del Journal of the American Medical Association sono abbastanza inquietanti: a distanza di un decennio, le patologie auditive degli adolescenti sono aumentate del 31%.

    Se è vero, fortunatamente, che nella maggior parte dei casi si tratta di perdite di lieve entità è pur vero che il 77% dell’incremento riguarda quelle di media e alta gravità. La ricerca, curata da Josef Shargorodsky a capo del team statunitense, confronta i dati raccolti tra circa 4600 ragazzi tra i 12 e 19 anni durante due sondaggi. Il primo condotto tra il 1988-1994 e il secondo tra il 2005-2006. Rispetto agli Anni Novanta, concludono i ricercatori, il problema del calo di udito è passato dal 14,9% al 19,5%. I più esposti al pericolo sordità sono i maschi e il difetto riguarda, la maggior parte delle volte, un orecchio solo.

    L’iPod generation, con la passione dei decibel sparati ‘al massimo ‘direttamente nei padiglioni auricolari, non rischia solo di provocarsi danni all’udito. In gioco c’è lo sviluppo sociale e la capacità di comunicare e apprendere. La menomazione uditiva, spiega Josef Shargorodsky, ‘può creare l’esigenza per terapie di sostegno alla facoltà di parlare, di ascoltare e per altri speciali interventi correttivi’.

    La ricerca del Brigham and Women’s Hospital di Boston riapre, così, un dibattito già vivace. Anche in Europa non si sottovalutano i danni causati dall’esposizione a sonorità eccessive; già lo scorso anno la Commissione Europea era intervenuta a riguardo.