Naso chiuso: tutti i rimedi naturali e farmacologici

da , il

    Naso chiuso: tutti i rimedi naturali e farmacologici

    I rimedi per il naso chiuso sono tanti, sia naturali che farmacologici. Con l’arrivo della stagione autunno-invernale siamo più soggetti a raffreddore e febbre, ma anche alla fastidiosa sensazione del naso chiuso. In questi casi cambia, non solo la capacità di respirare, ma anche il tono della voce. Per alleviare il fastidio, però, e favorire la guarigione, i rimedi esistono, sia naturali che farmacologici.

    Naso chiuso, perché ne soffriamo

    La sensazione di avere il naso “tappato” corrisponde in realtà alla migliore descrizione che possiamo fare della congestione nasale. In questi casi, infatti, le cavità nasali sono “intasate” da un accumulo di muco in eccesso, che funge da tappo, limitando la capacità di immissione ed emissione di aria attraverso le narici. In alcuni casi, però, il naso chiuso può essere anche senza muco e solitamente dipende da disturbi da raffreddamento, ma anche da sinusite, allergia, rinite o, più raramente, da poliposi nasale.

    Naso chiuso: i rimedi farmacologici

    I rimedi farmacologici per il naso chiuso dipendono anche dalla causa scatenante e dal soggetto che ne soffre, ad esempio cautele particolari riguardano i neonati, che devono essere seguiti dal pediatra. Farmaci utilizzati per la cura del naso chiuso da raffreddore/ influenza sono: il paracetamolo (es. tachipirina, efferalgan), la claritromicina (es. Biaxin, Macladin, per il naso chiuso dipendente da Haemophilus influenzae), Amantadina (es. Zitrobiotic, farmaco antivirale) e ibuprofene (es. brufen, moment). Invece, farmaci per la cura del naso chiuso dipendente da allergie/rinite, sono: i corticosteroidi come fluticasone spray (es. avamys, Fluspiral), gli antistaminici come desloratadina (es. neoclarityn, azomyr, aerius) e i decongestionanti come Oximetazolina cloridrato (es. Vicks sinex).

    Naso chiuso: i rimedi naturali

    I rimedi naturali sono una buona alternativa ai farmaci per il naso chiuso, con o senza raffreddore. Utili in questi casi sono anzitutto i suffumigi, da fare con acqua calda e erbe aromatiche (le migliori sono timo, eucalipto, pino e camomilla). I suffumigi sono in grado di produrre vapore fluidificante e di sciogliere il muco e liberare le vie aree (perché siano utili si consiglia di tenere la testa sulla pentola bollente o il viso sull’apposito diffusore per 15-30 minuti). Tra i rimedi naturali regalati dalla fitoterapia, ci sono le erbe dall’azione balsamica e decongestionante, come il pino, il timo, l’eucalipto, l’efedra, la malva e il salice bianco, che si possono somministrare per via orale, sotto forma di tisane o tinture madri, o inalare. Si consiglia, in particolare, di sfruttare tutto il potere fluidificante e antinfiammatorio dell’eucalipto e del pino, disponendo qualche goccia di olio essenziale delle due erbe su un fazzoletto, da “annusare” con respiri profondi per liberare il naso. Ottimi anche gli spray a base di eucalipto, da spruzzare anche sul cuscino per scongiurare bruschi risvegli di notte. A scopo preventivo, invece, si consiglia di rinforzare il sistema immunitario; evitare quindi gli sbalzi di temperatura e seguire un’alimentazione ricca di antiossidanti (vitamina C e vitamina E).