Nei: chi ne ha tanti invecchia meno, lo dice una ricerca scientifica

da , il

    Nei: chi ne ha tanti invecchia meno, lo dice una ricerca scientifica

    Sembra che avere molti nei sia preludio della tendenza a invecchiare meno: lo avrebbe dimostrato una ricerca scientifica, che ha riscontrato una corrispondenza tra i nei e l’aspetto più giovanile della pelle. Curare la pelle è importante e se i nei vanno tenuti sono particolare controllo, ora sembrano anche poter raccontare ulteriori proprietà che caratterizzano la storia del nostro organismo. I nei sono stati un vezzo in tempi ormai lontani ed anche oggi disegnano la particolare bellezza di molte donne, tra cui affascinanti dive dello spettacolo come Marilyn Monroe, Eva Mendes o Cindy Crawford, che durante l’adolescenza aveva persino pensato di eliminare il caratteristico neo in seguito divenuto suo punto di forza.

    Alcuni ricercatori del King’s College di Londra hanno osservato e confrontato 1.200 gemelle, scoprendo che le donne con oltre oltre cento nei sulla pelle possedevano un aspetto ben più giovanile rispetto alle altre. Anche gli organi interni, tra cui cuore nonché occhi e pelle, sembravano essere più sani e più resistenti all’invecchiamento.

    Il segreto? Sembra che abbia a che fare con la telomerasi, molecola della giovinezza, che nel caso delle persone con molti nei evidenzierebbe una maggiore lunghezza dei telomeri.

    ‘C’eravamo accorti da tempo che i pazienti con molti nei hanno un aspetto più giovanile, hanno meno rughe e meno macchie sulla pelle‘ ha spiegato Veronique Bataille, dermatologa a capo della ricerca, che ha evidenziato come a telomeri più lunghi sia relazionato un declino più lento.

    Secondo la ricerca presentata alla Royal Society of Medicine i nei sarebbero così indice di buona salute e contribuirebbero a una pelle più giovane, ossa più forti e l’impressione di almeno sette anni in meno.

    La maggior parte delle persone ha una media di 30-40 nei su tutto il corpo, ma alcune persone possono arrivare persino a 600.

    ‘Il nostro Dna è il risultato di milioni di anni di evoluzione, non credo che sia possibile produrre una crema che lo possa alterare’ ha continuato Veronique Bataille. Il mistero dei nei rimane un segreto del Dna.