Oligomenorrea: sintomi, cause e rimedi

da , il

    Oligomenorrea: sintomi, cause e rimedi

    Conoscete i sintomi, le cause e i rimedi per l’oligomenorrea? Se ne sente poco parlare in questi termini scientifici, ma l’oligomenorrea non è altro che un’irregolarità del ciclo, che tarda a presentarsi e ripresentarsi e, quando c’è, risulta più lungo della norma. E’ anche vero, come molte donne avranno sicuramente già riscontrato, che il ciclo non è sempre costante e ci possono essere dei ritardi legati a momenti transitori, che non devono quindi preoccupare. Quando, invece, la situazione diventa più difficile e l’oligomenorrea può rappresentare un problema?

    Oligomenorrea, i sintomi per riconoscerla

    La regolarità del ciclo mestruale dipende tutta dalla situazione ormonale, la quale a sua volta è direttamente connessa alla funzionalità di tre diverse strutture: l’ipotalamo, l’ipofisi e le ovaie. Tra i disturbi del ciclo mestruale, l’oligomenorrea è tra i più diffusi e si caratterizza per un ciclo mestruale molto lungo, con un intervallo altrettanto dilatato (36 giorni o più) tra un flusso e l’altro.

    Oligomenorrea, le cause del problema

    Le cause dell’oligomenorrea possono essere diverse; potrebbe essere un’eventualità legata al periodo post gravidanza o post pillola, a problemi di ovulazione, alla presenza di cisti ovariche o di ovaio multifollicolare. Ancora, anche l’iperandrogenismo può essere determinante; in questi casi, infatti, ovaio e surrene aumentano la produzione di ormoni androgeni (ormoni che controllano lo sviluppo dei caratteri sessuali maschili) e bloccano la normale ovulazione. Rientrano tra le possibili cause dell’oligomenorrea anche le alterazioni della funzionalità dell’ipotalamo, che non riesce più a comunicare al meglio con l’ipofisi e di conseguenza provoca uno squilibrio nel controllo ormonale, e il malfunzionamento dell’ipofisi.

    Oligomenorrea: i rimedi e le soluzioni possibili

    Ogni causa che determina l’oligomenorrea ha una sua specifica soluzione. Molto spesso, però, in questi casi si interviene con la pillola, per cercare di normalizzare il ciclo. Comunque, in presenza dei sintomi, si consiglia sempre di consultare il ginecologo.