Pillola anticoncezionale difettosa: ritirate 1 milione di confezioni Pfizer

da , il

    Pillola anticoncezionale difettosa: ritirate 1 milione di confezioni Pfizer

    L’allarme è stato dato dalla stessa Pfizer, il colosso americano della farmaceutica, che ha allertato tutti i distributori di pillole anticoncezionali, affermando che queste sarebbero difettose. Fortunatamente le pillole in questione non sarebbero state vendute in Italia ma solo negli Stati Uniti. Il problema riguarderebbe solo una trentina di confezioni ma ovviamente si è proceduto per adesso al ritiro di oltre un milione di confezioni.

    Le donne che hanno utilizzato le pillole anticoncezionali della Pfizer rischierebbero di restare incinte, il contraccettivo infatti non sarebbe tale, questo è il problema che è stato riscontrato dall’azienda produttrice.

    Per adesso un milione di scatole di pillole sarebbero state già ritirate dal mercato e l’operazione continuerà.

    Il problema riguarda una trentina di confezioni, all’interno delle quali sarebbero state posizionate in ordine sbagliato le pillole per cui il dosaggio di ormoni sarebbe errato e la contraccezione non sarebbe così garantita al 100%. In tutte le confezioni di pillole anticoncezionali tradizionali infatti, ci sono alcune pasticche che hanno solo la funzione placebo e queste corrispondono al momento in cui non vi è ovulazione, nei pacchetti venduti dalla Pfizer l’ordine delle pillole è stato invertito.

    L’errore riguarda il prodotto Lo/Orval e il suo corrispettivo generico, Norgestrel, che sono stati venduti solo negli Stati Uniti e NON IN ITALIA. Uno dei motivi per cui il problema non è assolutamente da trascurare è che queste pillole sono tra le più consigliate dai ginecologi statunitensi, Lo/Orval è al 64esimo posto nella classifica tra i farmaci più venduti e il Norgestrel è al 30esimo.

    Sulle confezioni da ritirare non compare il nome Pfizer, ma quello della società che le distribuisce, la Akrimax.

    L’appello è stato lanciato dalla Pfizer in accordo con la Food and Drug Administration americana ed è stato comunicato ufficialmente che chi ha in casa una confezione di una delle due tipologie di pillole anticoncezionali in questione, ne stia facendo uso e abbia avuto rapporti sessuali negli ultimi 5 giorni, deve contattare immediatamente il suo medico curante.