Pleurite: sintomi, cause e cura

da , il

    Pleurite: sintomi, cause e cura

    Quali sono i sintomi, le cause e la cura per la pleurite? La pleurite è un’infiammazione acuta o cronica della pleura, il rivestimento che circonda i polmoni. La pleurite si manifesta generalmente con un forte dolore al petto, ma anche con respiro profondo e colpi di tosse. Ma quali sono le cause, i sintomi e la cura per questa patologia?

    I sintomi della pleurite

    Oltre che con il dolore al petto e i colpi di tosse, la pleurite si manifesta anche con: brividi, febbre, diarrea, respirazione rapida e superficiale, starnuti frequenti, tachicardia, mal di gola, mancanza di fiato, perdita di peso e tosse, anche sanguinolenta. Generalmente la pleurite non crea danni nel lungo termine, malgrado essa possa favorire l’insorgenza di infezioni polmonari, come la polmonite o la bronchite. In linea di massima eventuali complicazioni dipendono più dalla causa scatenatne la pleurite, che dalla patologia stessa. Ma quali sono le cause, quindi, che generano la malattia?

    Le cause della pleurite

    Spesso la pleurite è scatenata da un’infezione batterica (come la tubercolosi). Altre cause della pleurite sono: artrite reumatoide, embolia polmonare, lupus eritematoso, trauma toracico, tumore della pleura, ma anche un collasso del polmone (nel caso dello pneumotorace) e il cancro al polmone. Inoltre, il dolore indotto della pleurite (che deriva dallo sfregamento e dall’attrito tra polmone e polmone creatosi durante la respirazione), caratterizza anche un’altra patologia, quella del versamento pleurico. Comunque, a seconda della causa scatenante, la pleurite si manifesta con o senza febbre.

    La cura per la pleurite

    A seconda delle cause della pleurite viene approntata una determinata cura. In caso di pleurite batterica si rivelano particolarmente utili gli antibiotici, ma anche i cortisonici possono essere utilizzati per alleviare un’infiammazione pleurica grave. Alcuni farmaci, poi, possono essere utilizzati per ridurre la tosse e il dolore toracico che si avverte durante la respirazione. In caso di versamento pleurico esteso, invece, si ricorre al drenaggio del liquido.