NanoPress Allaguida Pourfemme Tecnocino Buttalapasta Stilosophy Tantasalute DesignMag QNM MyLuxury

Pressione alta: gli alimenti da evitare

Pressione alta: gli alimenti da evitare
da in Alimentazione, Salute, Ipertensione
Ultimo aggiornamento:
    Pressione alta: gli alimenti da evitare

    Fare attenzione all’alimentazione è fondamentale per chi soffre di pressione alta. L’ipertensione è un problema di salute molto comune, che in Italia riguarda circa il 30% sia degli uomini che delle donne e che spesso dipende anche da una predisposizione genetica. Oltre ai classici consigli, in caso di ipertensione, bisognerà seguire una dieta particolare, che metta al bando cibi eccessivamente salati, ma non solo. È bene evitare grassi, zuccheri e controllare il contenuto di sodio di qualunque alimento acquistato e privilegiare cibi fatti in casa, cotture leggere e insaporite con aromi, invece che con il sale.

    La dieta per la pressione alta richiede una particolare attenzione ad etichette ed ingredienti. Il sale, ad esempio, è già contenuto in modo naturale in diversi alimenti, ma è importante considerare anche quello nascosto, come quello che si trova negli alimenti preconfezionati. Basta solo qualche accorgimento in più per riuscire a seguire una dieta iposodica e tenere a bada la pressione. Conoscere gli alimenti da evitare, e soprattutto quelli insospettabili, è importantissimo per la buona riuscita dei nostri intenti. Ecco dunque un elenco degli alimenti da evitare in caso di pressione alta.

    Salumi e carni lavorate, sia cotte che crude, hanno spesso un contenuto di sodio molto alto, necessario per la conservazione del prodotto. Se possibile è bene evitare di consumarli, in alternativa, se è proprio necessario, bisognerà controllare bene l’etichetta per rendersi conto del quantitativo di sodio contenuto e scegliere, dunque, il prodotto che ne contiene meno.

    Anche i formaggi non sono amici della pressione. Se soffrite di pressione alta evitate di consumarli, soprattutto quelli molto grassi, ma anche quelli piccanti o che contengono molti conservanti.

    Tutti i prodotti di rosticceria, come il pollo arrosto, ma anche eventuali zuppe pronte acquistate al supermercato, sughi o primi e secondi precotti o in scatola hanno buone probabilità di contenere un quantitativo di sodio molto alto. L’alternativa migliore sarebbe quindi quella di acquistare il pollo e cucinarlo in casa, condendolo con aromi e con poco sale, o meglio ancora, evitando l’uso del sale. Anche zuppe, minestroni e primi piatti possono essere cucinate in casa evitando l’uso del sale o utilizzando sale integrale o alternative come il gomasio. Cucinare in casa comporta un dispendio maggiore di tempo, ma permette di preparare piatti più salutari e adatti alle esigenze di chi soffre di ipertensione.

    Il pane può essere facilmente sostituito con il pane integrale, o con il toscano, senza sale, venduto ormai nella maggior parte delle panetterie di tutta Italia. Per quanto riguarda la pizza, sarebbe meglio evitare di mangiarla poiché la sua pasta contiene spesso molto sodio. Lo stesso vale per grissini, crackers e prodotti da forno confezionati, meglio evitarli se è possibile, o prepararli in casa.

    Inutile dire che un pranzo o una cena in un fast food, a base di hamburger, patatine e salse non siano consigliati in caso di pressione alta. I fritti sono spesso accompagnati da molto sale e anche gli aperitivi, in cui sono presenti spesso patatine e cibi salati, non sono ideali per chi deve seguire una dieta salutare, e in particolare per chi soffre di ipertensione.

    Anche le bevande alcoliche sono altamente sconsigliate a chi soffre di pressione alta. Il consumo eccessivo di alcolici può, addirittura, essere una delle cause scatenanti dei problemi di ipertensione. L’alcol fa aumentare, infatti, la pressione arteriosa. Il consiglio è quello di evitare, quindi, del tutto, le bevande eccessivamente alcoliche e preferire, eventualmente, moderate quantità di bevande lievemente alcoliche, solo durante i pasti.

    Anche il caffè è da evitare in caso di pressione alta, poiché la caffeina è un vasocostrittore. Se per voi il caffè dopo pranzo è un piacere e un’abitudine, meglio sostituirlo con il decaffeinato.

    Niente paura per i golosi! Sarà meglio evitare del tutto il cioccolato al latte o quello bianco, ma è consentito il cioccolato fondente. Ovviamente bisogna assumerne piccole quantità e preferire il fondente almeno al 70%.

    Anche i dolci o i gelati devono essere evitati da chi soffre di ipertensione.

    Non tutti i pesci sono adatti in caso di pressione alta. Ricordate di evitare quelli grassi, ma anche molluschi e crostacei e soprattutto i pesci in scatola, come il tonno, o gli affumicati, come il salmone.

    Potrà sembrare strano dover escludere degli ortaggi e delle verdure da una dieta, ma il contenuto di sodio di carciofi, carote e spinaci non li rendono adatti a una dieta per chi soffre di pressione alta, pertanto sarà necessario escluderli dal proprio regime alimentare.

    Tutti i condimenti grassi come salse, ad esempio la maionese, o anche la salsa di soia, ketchup, ma anche burro e margarina, devono essere messi al bando. Preferire cotture semplici e condimenti semplici, come ad esempio l’olio e il limone.

    1022

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN AlimentazioneSaluteIpertensione
    PIÙ POPOLARI