Prevenire i tumori al seno grazie a MAMMI

da , il

    Prevenire i tumori al seno grazie a MAMMI

    Un nuovo ed incoraggiante spiraglio si apre sulla lotta ai tumori al seno: prevenirli infatti sarà più facile e preciso grazie ad una nuova mammografia, chiamata MAMMI, che dovrebbe diagnosticare la malattia in modo molto precoce. Prevenire i tumori al seno rappresenta l’arma più efficace contro di essi, perché poter diagnosticare delle lesioni di 1,5 mm permette di avere un margine notevole di vantaggio sul tumore, almeno rispetto agli strumenti di diagnosi attuali, che sono limitati a lesioni di 5mm. Le mammografie in uso al momento sono in grado di offrire una diagnosi ancora tardiva, visto che con l’identificazione di una lesione di 5mm rappresenta uno stato di sviluppo della malattia.

    Con MAMMI potrebbe invece essere possibile prevenire i tumori al seno grazie alla scoperta di microlesioni da 1,5mm. Ma come funziona? La paziente si distende sull’apposito tavolo ed inserisce il seno nel macchinario: a questo punto entra in azione un rilevatore che avvolge il seno ed identifica la presenza di eventuali lesioni.

    Oltre alla diagnosi e alla prevenzione, MAMMI è utile anche per il monitoraggio dello stato della chemioterapia e della radioterapia, per verificarne l’efficienza.

    Prevenire i tumori diventa sempre più legato al fattore tecnologico e all’importanza della diagnosi precoce; MAMMI è uno strumento che cerca di intraprendere questo tipo di direzione e per ora le premesse sembrano convincenti. Al momento è stato presentato dal Consiglio nazionale spagnolo per la Ricerca e verrà a breve utilizzato nell’ospedale di Castellon, in Spagna appunto. Successivamente si procederà con l’implementazione anche negli altri ospedali europei.