Proprietà del cacao: preso in giuste dosi ritarda invecchiamento del cervello

da , il

    Proprietà del cacao: preso in giuste dosi ritarda invecchiamento del cervello

    Tra le proprietà del cacao, quella che spicca in modo più curioso è l’ultima scoperta effettuata da alcuni ricercatori abruzzesi dell’ospedale di Avezzano e dell’Università di L’Aquila: una somministrazione oculata ritarda l’invecchiamento delle cellule cerebrali. In questo modo si aprono anche dei nuovi scenari sulla terapia e la prevenzione di malattie degenerative come ad esempio l’Alzheimer. Quindi il cacao non sarebbe solo un anti depressivo, un ottimo energetico e antiossidante, ma anche una sorta di elisir di lunga vita per le cellule del cervello.

    Determinanti i flavanoli

    La proprietà anti età scoperta dai ricercatori abruzzesi è resa possibile dalla presenza dei flavanoli, cioè dei composti naturali del cacao, che dosati in maniera oculata nell’ambito di una dieta possono apportare dei benefici notevoli per gli anziani. Lo studio è stato pubblicato su riviste di medicina internazionale e ha riscosso interesse nella comunità medica.

    Il test

    Per dare corpo alle ipotesi formulate, i ricercatori hanno eseguito uno studio su 90 pazienti anziani, affetti da declino cognitivo e divisi in tre gruppi; per ognuno di questi era stata stabilita una somministrazione specifica di flavo noli nella dieta.

    La quantità più alta era di circa 1 grammo e la più bassa di 45 mg. Lo studio è durato 8 settimane ed è stato seguito quotidianamente. I risultati hanno mostrato, come previsto, una migliorata capacità cognitiva per gli anziani appartenenti al primo gruppo.

    Conclusioni

    Quello che resta da capire è come il cacao agisca sulle cellule cerebrali. O meglio, bisogna scoprire se sono i flavanoli ad incidere direttamente sull’attività cognitiva, oppure se rappresentano una conseguenza dell’abbassamento della pressione sanguigna e di una maggiore sensibilità all’insulina.

    Ad ogni modo, i fatti sono molto eloquenti: i flavanoli presenti nel cacao contribuiscono ad un rallentamento del declino cognitivo, a prescindere da quella che sia la loro funzione. L’importante è che vengano inseriti all’interno di una dieta equilibrata dal punto di vista calorico e nutrizionale.