Protezione dai campi elettromagnetici: alcuni consigli

da , il

    Radiazioni telefono cellulare

    La protezione dai campi elettromagnetici è una questiona davvero spinosa e, al momento molto difficile da inquadrare. La cosa migliore da fare è prendere delle giuste e doverose precauzioni, soprattutto in presenza di bambini, nell’attesa che la scienza possa consegnarci una risposta definitiva. Le diverse ricerche svolte, infatti, hanno dato esiti sempre contrastanti, perché a chi sostiene che i campi elettromagnetici siano nocivi, risponde chi è convinto che la loro influenza sul nostro organismo sia trascurabile. Oggi viviamo praticamente avvolti da campi magnetici, ma è soprattutto il cellulare, insieme alla linea wireless, la fonte maggiore di radiazioni.

    I campi elettromagnetici fanno male?

    Che siano nocive o meno, saperlo adesso sembra impossibile, ma intanto, il 31 maggio scorso, l’Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro, la Iarc, ha lanciato un monito al riguardo, dichiarando che i campi elettromagnetici prodotti da cellulari e dispositivi che sfruttano le reti senza fili possono essere nocivi. Intanto noi, per non correre rischi, possiamo prendere delle precauzioni e difenderci dai campi elettromagnetici.

    Schermatura dei cellulari

    I telefoni cellulari rappresentano il pericolo maggiore per l’emissione di radiazioni, soprattutto ora che gli smartphone sembrano essere diventati un’estensione del nostro corpo. E sono proprio gli smartphone ad emettere il maggior numero di radiazioni rispetto ai classici telefoni che si utilizzano per telefonare e mandare messaggi. In ogni modo, esistono delle cover schermanti per cellulari che filtrano le radiazioni e riducono l’impatto dei campi magnetici. Anche la scelta di auricolari permette di tenere il rischio lontano, quantomeno dal cervello. Per avere un’idea sulle radiazioni emesse dai vari modelli, questo sito è sempre aggiornato. É importante ricordarsi di spegnere il telefono di notte e soprattutto di non tenerlo vicino, o peggio in tasca, quando non si utilizza.

    Reti senza fili

    Internet senza fili, il wireless, è diffuso ormai in quasi tutte le case, spesso impostato alla massima potenza. Sarebbe consigliabile ridurne il raggio al minimo, perché sia raggiungibile all’interno della casa (non serve che la rete sia disponibile all’esterno), e spegnerlo di notte, se non utilizzato.

    Norme generali di buonsenso

    Oltre a queste linee guida specifiche, ci sono delle regole di buonsenso da seguire, come ad esempio quella di non dormire con il cellulare accesso di fianco al cuscino oppure di ridurre al minimo le telefonate, e magari incontrarsi di più dal vivo. Molte persone, però, lavorano praticamente al telefono, per cui l’unica precauzione che possono prendere è quella di utilizzare auricolari o vivavoce, evitare i dispositivi Bluetooth e cambiare di tanto intanto orecchio per l’ascolto.