Psoriasi: quali trattamenti?

da , il

    Psoriasi: quali trattamenti?

    La psoriasi è una malattia infiammatoria cronica della pelle dovuta a un’alterata funzione del sistema immunitario che causa un’enorme accelerazione del processo di ricambio delle cellule dell’epidermide. Infatti, in condizioni di normalità, il ricambio di queste cellule avviene nell’arco di circa 28 giorni mente in caso di psoriasi questo ciclo di ricambio si conclude in soli 3-4 giorni al massimo. Uno studio recente ha rilevato che nel nostro paese ad esserne colpita è circa il 2,7 per cento della popolazione adulta e che la patologia si manifesta nel 59 per cento dei casi entro i 39 anni.

    La psoriasi non è contagiosa ma rilevante è l’impatto emotivo, oltre che fisico, che genera su chi ne è affetto. Soprattutto le donne e i più giovani subiscono fortemente il condizionamento sulla vita sociale e di relazione. Diversi sono i trattamenti oggi disponibili nella cura della psoriasi. Anzitutto le terapie locali a base di prodotti topici (creme, lozioni, mousse, paste e unguenti da applicare direttamente sulla pelle seguendo tempi ben definiti), in secondo luogo quelle effettuate grazie alla luce ultravioletta. In questo caso la pelle viene esposta a fonti di luce ultravioletta (UVB e UVA).

    Una particolare variante prevede l’uso combinato di farmaci (psoraleni) e radiazioni UVA. Infine, le terapie sistemiche tra cui quelle effettuate con farmaci biologici. Le terapie sistemiche prevedono l’uso di farmaci particolari anche per via orale. I farmaci più comuni in questo caso sono i retinoidi e gli immunosoppressori. Anche i farmaci biologici, che rappresentano una novità importante, rientrano tra le terapie sistemiche. Essi permettono, in alcuni casi, di raggiungere buoni risultati anche in tempi relativamente brevi.