Radiazioni nucleari: quali conseguenze per la salute?

da , il

    Radiazioni nucleari: quali conseguenze per la salute?

    I drammatici avvenimenti che stanno avvenendo in Giappone inducono tutti noi ad una profonda riflessione sul nucleare, sull’impiego di questa fonte di energia, sulle fonti alternative, sulla sicurezza degli impianti, ma soprattutto sulle conseguenze che l’esposizione a queste radiazioni ha sulla salute umana. Sulla scia dell’emotività i dubbi sono molti, gli allarmismi anche e la confusione è inevitabile. Cerchiamo di fare chiarezza su quali potrebbero essere effettivamente le conseguenze delle radiazioni nucleari sulla nostra salute. Anzitutto, si può dire che i danni sulla salute umana sono direttamente proporzionali all’entità dell’esposizione; conseguenze diverse si hanno quindi a seconda dei tempi e delle modalità di esposizione alle radiazioni.

    In particolare, nel caso di esposizioni a dosi elevate di radiazioni (come per il lavoratore impiegato nella centrale in cui si verifica un incidente) gli effetti sono immediati (la conseguenza è una sindrome acuta da radiazioni con esito fatale o la distruzione del midollo osseo, con esiti altrettanto gravi). Invece, nel caso di esposizioni a dosi più basse di radiazioni (come per gli abitanti della zona circostante alla centrale di Fukushima in Giappone) nel giro di qualche settimana o mese, il rischio maggiore è quello di sviluppare malattie ematologiche come i linfomi e le leucemie.

    Ma, gli effetti delle radiazioni si fanno sentire anche a distanza di tempo. Nel lungo periodo, infatti, ovvero anche a distanza di 20-25 anni, l’esposizione a dosi anche basse di radiazioni può dare origine oltre che alle leucemie (che compaiono tra i 3 e i 15 anni dall’esposizione) anche a tumori maligni (carcinoma mammari, cutanei, polmonari, tiroidei e sarcomi ossei). Infine, gli effetti delle radiazioni possono interessare, oltre al soggetto esposto, anche i suoi figli. Queste conseguenze ereditarie consistono in mutazioni genetiche dalle gravi conseguenze sulla salute umana.