Rebounding, dimagrire saltando: lezione completa fai da te [FOTO & VIDEO]

da , il

    Anche voi invidiate i bambini che saltano sui tappeti elastici? E allora il nuovo allenamento che arriva dall’America fa proprio al caso vostro. Si chiama rebounding ed è la nuova frontiera del fitness, perfetto per dimagrire e tonificare gambe e glutei.

    Vantaggi e benefici del rebounding

    Lo strumento fondamentale è il rebounder, un tappetino circolare elastico. Perchè saltare aiuta a dimagrire? Il primo effetto è quello di sudare e perdere peso ma non solo. Il rimbalzo è importante per irrobustire tendini e legamenti e potenzia la forza muscolare.

    Un ulteriore beneficio si registra per la capacità cardiovascolare. Saltare sul tappetino ammortizza l’impatto quindi non ci sono controindicazioni per articolazioni e muscoli.

    La lezione serve soprattutto a tonificare gambe e glutei ma gli esercizi si estendono a tutto il corpo coinvolgendo anche braccia e spalle. E se è vera la massima latina “mens sana in corpore sano” non bisogna dimenticare che saltando ci si sfoga e a fine lezione ci si sente liberate dal peso di una giornata di stress. Il movimento continuato infatti aiuta a sciogliere le tensioni che si formano a livello nervoso e muscolare. La particolarità del rebounding infatti è che durante l’allenamento ossa, muscoli e testa diventano un tutt’uno e vengono portati al massimo delle potenzialità. Per tutti questi motivi non presenta controindicazioni ed è adatto a tutte le età.

    Il rebounding è sicuramente perfetto per l’estate 2012: si può infatti praticare ovunque, anche all’aperto. Molti sono gli stabilimenti che propongono lezioni in spiaggia. Il tappetino è economico e facile da trasportare.

    Rebounding: gli esercizi fondamentali

    Ogni lezione di rebounding, per essere completa, si articola in quattro tempi.

    Il riscaldamento di esegue mantenendo i piedi uniti e prevede un ritmo leggero.

    Poi si passa al rafforzamento, sempre con i piedi attaccati ma aumentando la velocità. In questa seconda fase si possono anche usare attrezzi accessori come manubri, cavigliere ed elastici.

    La terza fase è il rebounding aerobico, con i piedi alternati. Questo esercizio richiede un livello di allenamento maggiore e soprattutto coordinazione nei movimenti.

    La lezione si conclude con esercizi da sedute per rafforzare la parte centrale del corpo.

    Seguendo questo schema ci si può allenare anche autonomamente in casa, ovviamente a ritmo di musica! Pe l’abbigliamento optate per qualcosa di comodo: c’è chi preferisce saltare con le scarpe da ginnastica e chi a piedi nudi, l’importante è non indossare scarpe scivolose. Nel video che segue trovate alcuni esercizi da imitare. Ricordate di partire da quelli a piedi uniti, passando per quelli a piedi alternati e finendo sedute.