Rimedi fai da te per il mal di testa

da , il

    Rimedi fai da te per il mal di testa

    Il mal di testa, quel dolore pulsante, incessante e straziante che a volte ci coglie e non ci permette di lavorare, dormire o svolgere qualsiasi attività, è una patologia di cui soffrono il 60% degli italiani, ma che colpisce, anche sporadicamente, un numero più alto di persone. A volte il mal di testa si presenta in giornate in cui abbiamo assolutamente bisogno di tutta la nostra energia mentale, a causa di una serie di impegni, e non possiamo concederci neanche un po’ di riposo. Che si fa? Ci si imbottisce di medicinali, con il pericolo di avere effetti collaterali sullo stomaco? No, proviamo dei rimedi naturali.

    Occhi chiusi e massaggi sulle tempie

    Anche se non avete molto tempo, e magari siete anche in ufficio, questo rimedio (se si tratta di un’emicrania non proprio lancinante) può essere di grande aiuto. Vi basta un quarto d’ora, ma anche dieci minuti.

    Poggiate la testa sullo schienale, reclinandola leggermente all’indietro, quindi chiudete gli occhi e con il medio e l’indice esercitate una lieve pressione su entrambe tempie, eseguendo anche un movimento rotatorio. Aumentate gradualmente la pressione, ma non dovete arrivare a sentire dolore.

    Tè e mandorle

    Questi due alimenti, un cibo e una bevanda, sono utili nella lotta al mal di testa, dimostrandosi dei validi rimedi. Il tè, come anche il caffè, è un vasodilatatore, però il suo consumo deve limitarsi a una tazza, altrimenti sopraggiungono altri problemi.

    Per quanto riguarda le mandorle, invece, il loro alto quantitativo di magnesio agisce come rilassante per i vasi sanguigni.

    Sia il tè che le mandorle, sono validi rimedi contro il mal di tesa se associati con altre pratiche, come ad esempio una seduta di yoga (ma basta anche una respirazione profonda e corretta).

    Prendere appunti

    Anche questo è un rimedio, forse il più importante, perché alla lunga diventa una forma di prevenzione. Se annotiamo ciò che abbiamo fatto e mangiato nelle giornate in cui si manifesta l’emicrania, possiamo arrivare a determinare dei fattori comuni, che quindi è possibile isolare ed evitare (o quantomeno ridurre) nel futuro.

    A questo proposito pensiamo alle ore passate davanti al computer, oppure al tipo di alimentazione tenuta.