San Valentino la dieta dell’amore: i cibi per sedurre e rimanere in linea

da , il

    San Valentino la dieta dell’amore: i cibi per sedurre e rimanere in linea

    A San Valentino la dieta a base di cibi afrodisiaci è un classico. Cenetta romantica, a lume di candela, avete pesanto a tutto ma attente a non sbagliare menù. Per sedurre e rimanere in linea basta poco: tanta fantasia, colori e profumi che investano piatti semplici che devono colpire i sensi e l’olfatto, il potere afrodisiaco di alcuni cibi passa proprio da qui. Porzioni giuste per questa notte speciale, né troppo abbondanti, potrebbero appensantire la digestione e addio notte di passione, né troppo scarse. Un menù a base di pesce è l’ideale: leggero, da accompagnare con qualcosa di piccante e poi, dulcis in fundo…ma scopriamolo nei dettagli.

    Il cibo può essere considerato al di là del punto di vista nutrizionale, anche come messaggio, per condividere momenti felici comunicare emozioni e sentimenti, come l’amore. E quale occasione migliore se non San Valentino, per sfruttare il potere del cibo e trasformarlo in un veicolo per recapitare amore al proprio amato?

    Gli innamorati si sa, bruciano più facilmente calorie, sanno dimagrire velocemente, hanno un metabolismo accellerato, ma se c’è quel qualcosa in più che può aiutare a svegliare e amplificare la passione in un notte romantica come quella di San Valentino, sono i cibi che seducono, quelli da sempre reputati cibi dell’amore. Sedano, ostriche, melograno, peperoncino, cioccolato, sono solo alcuni degli alimenti che notoriamente aiutano a risvegliare la passione se inseriti nella dieta.

    Le ostriche sono famosissime per le loro virtù afrodisiache grazie ai sali minerali che contengono, ricchissime di potassio, sodio, ferro, calcio fosforo ma soprattutto, glicogeno, aiutano la contrazione muscolare. Alimentandosi con questi cibi si stimola non solo il nostro cervello, cui diamo un grande apporto di fosforo, ma anche il nostro desiderio.

    Il cioccolato: è un induttore di felicità, per questo il suo consumo in momenti difficili della vita aumenta in larga misura.

    Il cioccolato supercibo ricco di antiossidanti agisce da catalizzatore, facilitando la produzione di endorfine, sostanze prodotte naturalmente dal cervello, che hanno un’azione simile a quella della morfina: stimolano le sensazioni di euforia e attenuano il dolore.

    Ma veniamo al menù: si può cominciare con le ostriche condite solo con limone e pepe; qualcosa di piccante non deve mancare, potrebbe essere un primo piatto a base di gamberi e rucola, con l’aggiunta di peperoncino, un secondo di pesce e per finire una piccola porzione di mousse al cioccolato.

    Concludiamo la nostra cenetta innaffiando tutto con un buon vino: ottimo stimolante, aiuta anche a rilassarsi e disinibirsi. Ma attenzione, bianco o rosso che sia, se consumato in quantità eccessive, porta una grande sonnolenza e addio notte di passione.