Scegliere il ginecologo: una decisione intima

da , il

    Scegliere il ginecologo: una decisione intima

    Scegliere il ginecologo implica la considerazione di diversi fattori: certamente non si tratta di un medico qualunque. Poiché il ginecologo, data la sua funzione, dovrà visitarci intimamente è opportuno affidarsi non solo ad una persona competente ma che ispiri anche fiducia e che sia in grado di farci sentire a nostro agio. E’ probabile infatti che durante la visita vengano trattati argomenti delicati riguardanti la femminilità e la salute intima. Vediamo insieme quali devono essere i criteri alla base della scelta e quali sono gli errori più comuni da evitare.

    Affidarsi al ginecologo delle amiche o della mamma

    Se un ginecologo è, sulla carta, il più competente della città ma di persona non riesce a farvi sentire a vostro agio e rilassate non può essere il vostro medico. E’ importante quindi nella scelta seguire il proprio istinto. Molte volte ci si affida ad uno specialista perché ci viene consigliato da amiche o conoscenti che si sono trovate benissimo con lui/lei (come avviene ad esempio anche con la scelta del pediatra) ma non è detto che la vostra esperienza sia la stessa di altre persone. Si tratta di sensazioni molto personali e soggettive. Ancora meno consigliato affidarsi al ginecologo della mamma: anche se lui, in base al segreto professionale, non rivelerà a lei dettagli sulla vostra visita l’idea stessa di condividere il ginecologo con vostra madre potrebbe darvi fastidio e non farvi sentire libere.

    Ginecologo uomo o donna?

    Questa è la domanda che divide il genere femminile. E’ vero che in medicina il sesso dello specialista non dovrebbe essere discriminante ma nel caso del ginecologo, data l’intimità della visita, ci sono persone che si sentono più a proprio agio con un uomo e altre che preferiscono essere seguite da una donna. E’ una scelta molto personale che ovviamente non vuole discriminare la competenza dell’uno o dell’altra. Allo stesso modo c’è che preferisce affidarsi ad un ginecologo giovane e più aperto e chi invece ad uno più maturo.

    Studio privato o in consultorio?

    In questa scelta gioca un ruolo importante anche la disponibilità economica. Il consultorio comunque non è sinonimo di poca preparazione. L’unico rischio è quello di non essere seguite sempre dallo stesso ginecologo.