Si sveglia parlando francese: sindrome dell’accento straniero

da , il

    Una donna inglese si è svegliata parlando con accento francese: come è possibile? Kay Russell, 49 anni, rappresenta uno dei 60 casi al mondo a cui è stata diagnosticata una rarissima malattia: la sindrome dell’accento straniero.

    Kay Russell, originaria della Gran Bretagna, una sera ha avvertito i sintomi di una forte emicrania: l’indomani, al risveglio, la donna ha iniziato a parlare con un forte accento francese.

    A Kay è stata diagnosticata la sindrome dell’accento straniero (Fas), una condizione estremamente rara di cui sono documentati solo 60 casi al mondo dal 1941.

    Kay Russell ha raccontato i problemi relativi a questa nuova condizione: amici e colleghi non la riconoscono al telefono e anche la situazione sul lavoro ha subito dei contraccolpi. Infatti la donna, impiegata come direttrice vendite, è stata costretta a lasciare il lavoro.

    ‘Numerose persone vengono a dirmi: ‘Che bella voce che hai’. Ma non si rendono conto di come mi senta veramente. E’ come se mi fossi trasformata in un’altra donna. Vorrei riavere indietro la mia vecchia voce ovviamente. Ma c’è molto, molto di più. Riguarda la persona che ero, la persona che voglio essere‘ ha spiegato Kay, che ha visitato la Francia due volte, anni fa.

    Purtroppo, non siamo in grado di renderci conto che la persona che eravamo e la persona che vogliamo essere spesso iniziano a non coicindere più. Dunque il momento della malattia può diventare l’occasione per interrogarci sul passato e presente calandoci in un viaggio nelle profondità di noi stessi, che ci conduca a un nuovo io da scoprire e afferrare.

    Perché chi cambia accento si sente smarrito, non si identifica più in se stesso? L’identificazione e l’identità di noi stessi attraversa un senso dell’abitudine che si appiglia al riscontro con il viso, la voce, i tratti somatici e i movimenti, tuttavia il processo identitario seguirebbe vie ben più fluide rispetto al senso di sicurezza che tendiamo ad attribuire a situazioni stabili e sempre identiche.

    Alcuni episodi della rarissima sindrome dell’accento straniero sono avvenuti di recente: all’inizio del 2010 Sarah Colwill, 35 anni, una donna dell’Inghilterra sud-occidentale, ha iniziato a esprimersi con un accento cinese, mentre Linda Walker, 60enne di Newcastle, dopo essere stata colpita da ictus cerebrale, ha iniziato ad esprimersi con un’inflessione giamaicana.