Sigarette moderne: più nicotina e più dipendenza

da , il

    Sigarette moderne: più nicotina e più dipendenza

    Che il fumo di sigaretta, attivo o passivo, sia nocivo per la salute è cosa ben nota. La cosa che forse sfugge a qualcuno è che attualmente, ancor peggio che in passato, le sigarette sono pensate per creare dipendenza, in maniera proporzionale al loro contenuto di nicotina. Stando a quanto divulgato da una ricerca coordinata da Regina Benjamin, il Surgeon General degli Stati Uniti, in tal modo, infatti, chi comincia a fumare ne diventa dipendente sin dall’inizio, aumentando la probabilità di sviluppare patologie legate direttamente o indirettamente al fumo.

    La presenza di quantità maggiori di nicotina, infatti accelerano il processo di dipendenza e di conseguenza fanno aumentare i danni che il tabacco può arrecare al DNA, favorendo lo sviluppo di neoplasie maligne e provocando tantissimi altri danni, come confermato anche da Regina Benjamin che ha dichiarato: Il fumo del tabacco danneggia quasi ogni organo del corpo umano

    Insomma, il problema è davvero serio, visto che si conta che al momento siano circa 40 milioni i fumatori negli USA e ogni giorno circa 4 mila i minorenni che cominciano a prendere il vizio, con cifre altissime di patologie legate al fumo di sigaretta, tanto che si parla di oltre 400 mila persone che ogni anno muoiono a causa del fumo. Per non parlare di tutte quelle persone che subiscono le conseguienze altrettanto gravi del fumo passivo.

    Tutto questo nonostante le sempre più numerose campagne di informazione fatte attraverso ogni mezzo, persino sui pacchetti di sigaretta, volte a scoraggiare i nuovi e vecchi fumatori. Che dire? Speriamo solo che parlandone si riesca almeno a lasciare un messaggio che significa migliaia di vite salvate ogni anno e una migliore salute anche per chi ci sta intorno.