Sirshana: benefici della posizione yoga sulla testa

da , il

    Sirshana: benefici della posizione yoga sulla testa

    Sirshasana è una nota posizione dell’hatha yoga e i benefici di queta posizione yoga sulla testa sono davvero tanti e buoni per la salute. Come tutti sanno lo yoga è un’attività fitness che fa bene all’organismo e alla mente e con le varie posizioni che prevede si possono trarre dei giovamenti diversi su varie parti del corpo. Nello specifico Sirshana, detta anche posizione yoga sulla testa, è considerata il ‘re’ o ‘padre degli âsana‘ per i suoi notevoli effetti benefici che in primis migliorano l’attività del sistema cardio circolatorio.Vediamo di seguito Sirshana e tutti i benefici della posizione yoga sulla testa

    Sirshana è la prima delle 12 posizioni base dell’hata yoga che se correttamente eseguita, regala effetti benefici sulla circolazione del sangue. Va detto però che non è una posizione facile da eseguire perchè prevede un carico di lavoro importante sulla colonna vertebrale specialmente sulla cervicale, perciò va fatta con la massima cautela e concentrazione per evitare di farsi male; E’ bene quindi apprenderne la tecnica corretta direttamente da un insegnante. Sirshana non è una posizione pericolosa ma sarebbe meglio evitarla se si soffre di malattie come ipertensione arteriosa, arteriosclerosi, rischio di distacco di retina, glaucoma o gravi affezioni del tratto cervicale. Inoltre bisogna interrompere la pratica se si avvertono fischi alle orecchie o emicrania. Andiamo a vedere come si esegue Sirshana, la posizione yoga sulla testa:

    Sirshana: Esecuzione della posizione yoga sulla testa

    Si parte in posizione inginocchiata e si appoggiano gli avambracci a terra con le mani vicine. E’ importante che la distanza fra i gomiti non sia più grande della larghezza delle spalle: per valutare la distanza corretta è possibile distanziare i gomiti quanto basta perché ogni mano possa toccare il gomito opposto. A questo punto si intrecciano saldamente le dita fino in fondo in modo che i palmi formino una coppa, quindi portare a terra il lato esterno delle mani. Spostare la testa verso le mani e posare a terra la sommità del capo in modo che la parte posteriore poggi nella coppa formata dalle mani intrecciate. Non appoggiare al pavimento né la fronte né la parte posteriore del capo!

    Quando la testa è poggiata correttamente a terra si sollevano le ginocchia spingendo le dita dei piedi verso la testa poi, espirando, bisogna darsi una piccola spinta e sollevare contemporaneamente i piedi tenendo le ginocchia piegate. A questo punto in maniera lenta, portare le cosce prima parallele al pavimento poi perpendicolari, sempre con le gambe piegate. Infine distendere le gambe in modo che tutto il corpo sia allineato e perpendicolare al pavimento. Mani, avambracci e gomiti devono soltanto costituire un aiuto per l’equilibrio, il peso del corpo grava interamente sulla testa. Mantenere la posizione finale da 1 a 5 minuti respirando con regolarità, e in ogni caso non superare mai i 15 minuti. Dopodichè sciogliere lentamente la posizione e tornare a terra ripercorrendo in senso inverso la sequenza di movimenti effettuati in partenza. Una volta ritornati in ginocchio non alzarsi subito in maniera rapida, ma mettere un pugno chiuso sopra l’altro e poggiarvi sopra la testa per circa 30 secondi o comunque fino a quando non si sente che il flusso circolatorio è tornato alla normalità.

    Sirshana: tutti i benefici

    Questa posizione migliora la circolazione sanguigna e favorisce il ritorno venoso con la prevenzione di vene varicose ed emorroidi. Se eseguita bene, alleggerisce il carico sulla colonna vertebrale e ne migliora il naturale allineamento. Migliora la respirazione permettendo di far lavorare in modo ottimale i polmoni e dà una grande ossigenazione a livello celebrale. Il fegato viene decongestionato e l’ipofisi stimolata, migliorando l’attività del metabolismo e quindi il controllo del peso.