Solidarietà: 27 novembre, Giornata Nazionale della Colletta Alimentare

da , il

    Solidarietà: 27 novembre, Giornata Nazionale della Colletta Alimentare

    Se domani, al supermercato, si avvicineranno estranei con pettorine e buste gialle, non scappate via…è semplicemente la 14a Giornata Nazionale delle Colletta Alimentare. La raccolta di cibi a lunga conservazione destinata ai più bisognosi è organizzata ogni anno dalla Fondazione Banco Alimentare Onlus. L’edizione 2010 si terrà domani, sabato 27 novembre: più di 110.000 volontari saranno presenti in 8.100 supermercati di tutta Italia. Riconoscibili dalla pettorina gialla, distribuiranno buste della spesa con il logo della fondazione e inviteranno i clienti a lasciare in dono alcuni dei prodotti di prima necessità, preferibilmente quelli non deperibili e gli alimenti per i bambini.

    Come bottiglie d’olio, cibo in scatola, pasta e riso, latte a lunga conservazione ma anche latte in polvere e omogeneizzati, solo per fare qualche esempio. Un gesto di solidarietà semplice – non è necessario infatti riempire un intero carrello, bastano anche pochi articoli. Ma importante: attraverso queste ed altre iniziative, il Banco Alimentare riesce a sostenere 8.000 strutture caritative convenzionate e sparse per la penisola italiana. La Onlus aiuta circa 1.500.00 persone in grave stato di povertà. Lo scorso anno, la Giornata della Colletta Alimentare ha coinvolto oltre 5 milioni di italiani e raccolto grandi quantità di prodotti destinati a comunità per minori, centri d’accoglienza, mense per i poveri, ecc…

    L’evento è in collaborazione con la Compagnia delle Opere – Opere Sociali, gode dell’Alto Patronato della Presidenza della Repubblica e del patrocinio del Segretariato Sociale della Rai. Il ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali, Maurizio Sacconi, presente oggi alla presentazione ufficiale l’ha definia ‘Una manifestazione emblematica e centrale per combattere la poverta’ assoluta nel nostro paese’. Un fenomeno in continua crescita: nel nostro Paese sono più di 3 milioni le persone che vivono sotto la soglia della povertà.