Stato sanitario del paese: ridotta la mortalità per tumori

da , il

    Stato sanitario del paese: ridotta la mortalità per tumori

    A dicembre 2011 è stata presentata l’importante relazione sullo Stato Sanitario del nostro Paese relativa al 2009-2010. Una relazione ricca e importante, un volume di oltre mille pagine, che contiene una quantità impressionante di dati che fotografano lo stato di salute degli italiani nel biennio. Un dato importate che emerge è che in Italia la mortalità per tumori nel nostro paese si sarebbe ridotta del 20% rispetto al 1990, ma vediamo tutti i punti salienti.

    La relazione è stata presentata lo scorso 13 dicembre presso l’Auditorium del Ministero di viale Giorgio Ribotta, a Roma ed il Ministro della Salute Renato Balduzzi, presentando la nuova Relazione sullo Stato Sanitario del Paese ha affermato: ‘Si tratta di una fotografia dell’esistente, non della situazione ottimale, con molti spunti per la programmazione. Bisogna passare dalle dichiarazioni di principio all’applicazione diffusa di buone pratiche sottoposte a valutazione continua’.

    Ma ecco i punti salienti della relazione pubblicati sul sito del Ministero della Salute:

    • L’Italia raggiunge il traguardo storico dei 60 milioni di abitanti, tra questi il 20,3% ha più di 65 anni;
    • Il nostro Paese tra i primi in Europa per incremento della speranza di vita;
    • Quasi dimezzata dal 1980 la mortalità generale;
    • In continua diminuzione la mortalità infantile, ridotta del 22% per i maschi e del 24% per le femmine;
    • Le Malattie del sistema circolatorio e i tumori si confermano le principali cause di morbilità e mortalità;
    • Ridotta del 60% dal 1980 la mortalità per malattie cardiocircolatorie;
    • Dagli anni ‘90 ridotta del 20% la mortalità per tumori;
    • Registrata una diminuzione dei ricoveri ospedalieri degli anziani ultrasessantacinquenni e l’incremento dell’Assistenza domiciliare integrata.

    Come afferma anche il Ministro Balduzzi di lavoro da fare ce n’è ancora tanto, il quadro generale però non sembrerebbe così catastrofico.