Tintura madre di salvia: proprietà e controindicazioni

da , il

    Tintura madre di salvia: proprietà e controindicazioni

    La tintura madre di salvia ha diverse proprietà e poche controindicazioni. Non tutti conoscono le tinture madri e la loro efficacia, ma anche questi sono degli ottimi rimedi naturali alternativi alle cure farmacologiche. La tintura madre di salvia, in particolare, è conosciuta soprattutto per la sua azione antisettica e disinfettante (utile per trattare le affezioni dell’apparato respiratorio), ma può essere un valido aiuto anche contro i fastidiosi dolori mestruali. Quali sono le altre sue proprietà e come utilizzarla?

    Proprietà

    A cosa serve la tintura madre di salvia? La tintura madre è un’estrazione delle sostanze benefiche contenute nelle piante (foglie, radici o fiori) fatta attraverso varie tecniche. Il prodotto finito ha consistenza liquida ed ha la peculiarità di essere rapidamente assorbito dall’organismo. La tintura madre di salvia è ricavata dall’omonima pianta che si utilizza in cucina per aromatizzare le pietanze. Le sue proprietà sono dovute alle varie componenti delle foglie, che sono ricche di acidi fenolici e flavonoidi. Questi ultimi conferiscono alla tintura madre di salvia delle proprietà antinfiammatorie, antisettiche e diuretiche. I flavonoidi, in particolare, sono ottimi per trattare la sindrome premestruale. Per questo, la tintura madre di salvia, è un ottimo rimedio naturale per far alleviare i sintomi delle mestruazioni dolorose ma anche delle vampate di calore in menopausa. Inoltre, questo preparato fitoterapico può essere utilizzato anche per trattare le affezioni dell’apparato respiratorio e dell’apparato gastrointestinale. Nel primo caso, la possiamo utilizzare contro il mal di gola, la tosse e il raffreddore. Nel secondo, invece, per trattare la sindrome del colon irritabile. Da non trascurare, infine, le proprietà diuretiche della salvia, che permettono di utilizzarla anche contro la ritenzione idrica

    .

    Uso e controindicazioni

    Per sfruttare le proprietà della tintura madre di salvia si consiglia generalmente l’assunzione di massimo 50 gocce, per tre volte al giorno, da diluire in acqua o altra bevanda. Le controindicazioni e gli effetti collaterali, invece, sono molto pochi e riguardano prettamente le dosi giornaliere consigliate. Prima di assumere la tintura madre di salvia, infatti, si consiglia di consultare il medico e, comunque, di non superare le dosi giornaliere raccomandate. Si ricorda anche che un dosaggio eccessivo di tintura madre di salvia può determinare manifestazioni neurotossiche, anche se utilizzata per la preparazione di preparati ad uso topico, come le creme e gli oli da massaggio, che vengono assorbiti dalla pelle. Ancora, questa tintura madre è sconsigliata in caso di insufficienza renale, in gravidanza e durante l’allattamento.

    Scopri anche le altre proprietà terapeutiche della salvia!