Trapianto di rene: donato da un marito alla moglie in dialisi

da , il

    Trapianto di rene: donato da un marito alla moglie in dialisi

    Un rene donato da un marito alla moglie in dialisi: il trapianto è avvenuto grazia alla donazione dell’organo da parte di una persona ancora in vita attraverso la tecnica laparoscopica. L’intervento è di natura eccezionale e ha coinvolto una coppia: l’operazione del trapianto di rene dall’uomo alla moglie è stata effettuata contemporaneamente, grazie a innovative tecniche di trapianto della medicina contemporanea. Il Policlinico Santa Maria alle Scotte di Siena ha effettuato il trapianto del rene con cinque chirurghi, nove infermieri e quattro anestesisti, che per un totale di sei ore hanno effettuato l’espianto di un rene da un uomo alla moglie, affetta da insufficienza renale cronica e sottoposta ad emodialisi da cinque anni.

    ‘Il prelievo in laparoscopia è molto più semplice e permette un recupero immediato per il donatore‘ ha spiegato il chirurgo che ha diretto la complicata operazione, il Prof. Mario Carmellini, a capo dell’équipe di Chirurgia dei Trapianti di Rene.

    Il medico ha aggiunto: ‘Per questo motivo tale tecnica aumenta la predisposizione dei familiari a donare un rene al proprio caro malato, rasserenando anche di più il ricevente’.

    Il marito, di anni 56, ha deciso di donare alla partner un rene: la donna, che ha 49 anni, era affetta da insufficienza renale cronica e da cinque anni sottoposta ad emodialisi.

    Grazie ai progressi di una chirurgia sempre meno invasiva, e dunque con meno rischi, in futuro donare un rene potrà apparire meno pericoloso.

    I chirurghi hanno inciso l’addome dell’uomo con quattro piccoli fori: dopo sei giorni l’uomo è stato dimesso, raggiungendo la moglie in convalescenza.

    Al momento si tratta del secondo trapianto di rene con espianto da donatore vivente, eseguito in chirurgia mininvasiva con tecnica laparoscopica: dopo il primo caso al mondo di trapianto di pancreas con il robot, effettuato a Pisa, la scienza sembra continuare la sua inarrestabile corsa verso nuovi traguardi nella ricerca.