Tumore all’ovaio: la luce per combatterlo

da , il

    Tumore all’ovaio: la luce per combatterlo

    Novità sulla lotta al tumore all’ovaio, la luce sembra un nuovo elemento per combatterlo. Una nuova tecnica di illuminazione delle cellule permette di diagnosticare quelle tumorali dando nuove speranze di guarigione da questa che è una delle malattie più temute dalle donne. A sperimentarla un gruppo di ricercatori americani della Purdue University nell’Indiana che tramite l’uso della fluorescenza sono in grado di vedere le cellule tumorali all’interno dell’ovaio anche se piccolissime, permettendo un intervento chirurgico migliore.

    Come il tumore al seno questo è un argomento che preoccupa molto le donne e dopo aver parlato della cura dei tumori e di un virus che potrebbe essere la soluzione oggi scopriamo che il tumore all’ovaio si può asportare in modo più efficace grazie alla luce. La luce fluorescente che illumina le cellule malate si ottiene collegando un agente fluorescente a una forma modificata di vitamina di acido folico che cerca e attacca le cellule tumorali, permettendone così la visione che invece normalmente risulta difficoltosa a causa della dimensione estremamente piccola di queste.

    La tecnica sperimentata dal dottor Philip Low potrebbe rivelarsi davvero rivoluzionaria nella lotta a questo tipo di tumore: la paziente che deve sottoporsi alla rimozione delle cellule tumorali, viene ‘preparata’ due ore prima dell’intervento chirurgico, con un iniezione di questo innovativo siero che va ad illuminare di un colore verde brillante tutte le cellule malate da rimuovere, anche le più piccole.

    Il dottor Philip Low spiega ‘Questa tecnica ha permesso ai chirurghi di individuare tumori 30 volte più piccoli del più piccolo tumore che attualmente si riesce a rilevare con le odierne tecniche, migliorando notevolmente il rilevamento della neoplasia’.