Vesciche ai piedi: come curarle

da , il

    Vesciche ai piedi: come curarle

    Le vesciche ai piedi sono molto fastidiose. Come curarle? Le vesciche si formano per lo più a causa dello sfregamento della pelle dei piedi con le calzature, soprattutto quando sono nuove. La formazione della vescica è un meccanismo di difesa dell’organismo, ma provoca comunque dolore e fastidio, rendendo particolarmente difficile lo svolgimento delle normali attività quotidiane. Per risolvere il problema, oltre ai farmaci, possono essere utilizzati dei rimedi naturali, che non hanno controindicazioni ed effetti collaterali. Cosa fare, quindi, in questi casi?

    Vari tipi di vesciche

    Come anticipato, le vesciche ai piedi compaiono in seguito a un eccessivo sfregamento della pelle che, per proteggersi, reagisce formando una bolla contenente liquido. Se lo strofinio interessa anche i capillari, oltre il primo strato di pelle, la vescica può anche riempirsi di sangue. In tutti i casi, si avvertono dolore e bruciore, che rendono particolarmente difficile, se non impossibile, la camminata.

    Come curarle

    Come curare le vesciche ai piedi? I rimedi della nonna in questi casi sono ancora efficaci. Va premesso che le vesciche ai piedi tendono a guarire anche spontaneamente in modo graduale nel tempo. La cute, infatti, è soggetta ad un processo di rigenerazione continuo, che esclude anche il rischio di sviluppare cicatrici. In questi casi, la prima cosa da fare è un sano pediluvio con acqua tiepida e bicarbonato (che ha un’azione disinfettante), magari reso più rinfrescante con l’aggiunta di qualche goccia di olio essenziale (come il tea tree oil che ha proprietà cicatrizzanti e antibatteriche). Successivamente si consiglia di proteggere l’area del piede interessata dalla vescica, specie quando si deve camminare ed indossare delle calzature. L’ideale sarebbe utilizzare un cerotto con micro fori o una protezione sterile. Quando se ne ha la possibilità, invece (come quando si è a casa), si dovrebbe lasciare l’area scoperta, per agevolare il processo di rigenerazione cellulare della cute. Questi rimedi sono di per se adatti a vesciche di piccole e medie dimensioni, che guariranno nel giro di una settimana. Se le vesciche sono più grandi e contengono tanto liquido al loro interno, invece, si può intervenire con un ago sterile, che rompendo le pareti della vescica, permette di svuotarla e asciugarsi più rapidamente. In questo caso, però, bisogna fare attenzione ad utilizzare un ago sterile e del mercurio cromo, per scongiurare il rischio di infezioni. Nel caso, infine, che le vesciche ai piedi contengano anche del sangue, meglio chiedere consiglio ed aiuto al medico, perché in questi casi il rischio di infezioni è ancora più alto. A scopo preventivo, infine, si consiglia di non usare scarpe nuove e strette o eccessivamente alte e di avere sempre a disposizione qualche cerotto da applicare all’insorgere dei primi fastidi.