Viagra per le donne contro il calo del desiderio: la Flibanserina

da , il

    Viagra per le donne contro il calo del desiderio: la Flibanserina

    Dopo l’annunciato arrivo di un viagra rosa dedicato al piacere femminile ecco un nuovo farmaco per le donne che accusano un calo del desiderio sessuale. Corrispondente del Viagra maschile, si chiama Flibanserina dal nome della molecola scoperta e sembra sarà a breve in commercio. Al momento le ricerche sono in corso al fine di valutare approfonditamente possibili applicazioni e conseguenze nell’utilizzo della molecola.Ovviamente ben lungi dall’essere trattato con leggerezza, il farmaco è studiato contro problematiche effettivamente gravi a livello sessuale e necessita di un approfondito consulto medico.

    Come nel caso del celebre e discusso Viagra, la scoperta è avvenuta casualmente, nel tentativo di formulare un antidepressivo a rapida azione.

    Nel corso delle ricerche è stato infatti osservato che la Flibanserina determinava un aumento del desiderio sessuale nella donna.

    Il disturbo da calo del desiderio sessuale è una disfunzione associata a un forte disagio, con serie ripercussioni negative sulla vita e sulla relazione di coppia.

    La Flibanserina è una molecola innovativa, non a base di ormoni, che sembrerebbe in grado di risvegliare il desiderio femminile. E’ bene ricordare che non si tratta di un vasodilatatore, bensì di un antidepressivo, il cui meccanismo d’azione si svolge pertanto a livello cerebrale.

    La molecola agisce sui neurotrasmettitori cerebrali coinvolti nella risposta sessuale nel tentativo di ripristinare quel giusto equilibrio fra fattori inibitori ed eccitatori che determina una sana risposta sessuale.

    Fino ad oggi sono stati effettuati quattro test clinici su 5000 donne in 220 centri e i dati raccolti dimostrerebbero che una dose di flibanserina assunta una volta al giorno aumenterebbe in maniera significativa il desiderio sessuale.

    Si sono verificate una serie di reazioni avverse, manifestatesi specialmente nei primi giorni di terapia e che hanno compreso vertigini, nausea, spossatezza, sonnolenza e insonnia.

    Al momento stanno proseguendo ulteriori studi sulla molecola e le sue applicazioni. Certamente le cure per le problematiche contro il calo del desiderio sono complesse e di vario genere. Non mancano ricerche che comprendano la medicina alternativa, come il recente arrivo sul mercato di Tradamix, ma il consulto medico e una potente dose di criticità sono opportuni per affrontare in modo adeguato il problema.