Videogiochi wireless: nuova frontiera della riabilitazione

da , il

    Videogiochi wireless: nuova frontiera della riabilitazione

    Un progetto messo a punto da poco dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca tenta di includere la tecnologia di alcuni videogiochi wireless in particolari percorsi riabilitativi. Il progetto di ricerca denominato ‘Messa a punto di nuove metodologie per la tele-Riabilitazione Neuromotoria’ è stato reso operativo dal Dipartimento di bioingegneria e teconologie biomediche e gli Istituti scientifici di Cassano delle Murge (Bari) e Telese Terme (Benevento) della fondazione Maugeri. Come detto, il progetto mira ad inserire l’ormai famosissima tecnologia dei videogiochi wireless in alcuni programmi di riabilitazione. Il primo esperimento ha dato significativi risultati.

    Il test ha riguardato un gruppo di dieci pazienti affetti da spondilite anchilosante, una malattia reumatica cronica che si manifesta in età ancora lavorativa. Questi pazienti sono stati sottoposti ad una serie di attività ed esercizi sportivi inseriti in alcuni videogiochi wireless presenti in commercio. Grazie a questi esercizi i pazienti hanno dimostrato un miglioramento significativo nel controllo dell’equilibrio, ma anche della postura e della coordinazione. Insomma, un ottimo risultato!

    Il vantaggio offerto da questo tipo di tecnologie è legato soprattutto alla circostanza che i pazienti, generalmente impossibilitati nei movimenti, possono eseguire queste attività direttamente a casa propria. Per anziani e disabili questo può tradursi in un vantaggio notevole. Vedremo se questi risultati avranno seguito e ci saranno nuovi utilizzi della tecnologia dei videogiochi wireless in campo medico.