Come risparmiare energia elettrica in casa: 8 regole d’oro

da , il

    Come risparmiare energia elettrica in casa: 8 regole d’oro

    Tutti si domandano come risparmiare energia elettrica in casa, ma sono davvero pochi quelli capaci di farlo davvero. Eppure facendolo non solo contribuiremmo ad alleggerire la nostra bolletta, ma compiremmo un’azione virtuosa per l’intero pianeta.

    Nel pensare a come risparmiare energia elettrica in casa, infatti, il pensiero di tutti corre immediato al portafogli, trascurando il fatto importantissimo che l’energia non è un bene infinito e che quella che sprechiamo irrimediabilmente non si rende più disponibile per altri. Scopriamo allora come risparmiare energia elettrica in casa mettendo in pratica 8 regole d’oro.

    1. Il primo suggerimento su come risparmiare energia elettrica in casa è quello di valutare l’utilizzo reale

    che facciamo di certi elettrodomestici o dispositivi elettronici e accenderli solamente quando servono e soprattutto non lasciarli accesi quando finiamo di usarli. Il televisore, per esempio, è l’elettrodomestico che rimane più a lungo acceso, con una media stimata che si aggira intorno alle 6 ore al giorno con un costo che oscilla fra i 40-70 euro/anno. Tralasciando il fatto che trascorrere 6 ore davanti alla televisione non è un comportamento sano, nella maggior parte dei casi il televisore rimane acceso anche se non lo guardiamo.

    2. Il secondo suggerimento su come risparmiare energia elettrica in casa riguarda l’illuminazione. Dovremmo utilizzare esclusivamente lampade a basso consumo e montarle all’interno di appositi riflettori per indirizzare meglio la luce, per esempio solo sul tavolo da pranzo o sulla scrivania. Stare attenti a non lasciare le luci accese quando non ci troviamo all’interno della stanza interessata.

    3. Usiamo la lavatrice a pieno carico e lavando quasi esclusivamente a basse temperature.

    4. Evitiamo di lasciare lo sportello del frigo aperto per troppo tempo decidendo cosa preparare per cena. Regoliamo il termostato su temperature intermedie, sbriniamolo periodicamente evitando che lo strato di ghiaccio superi i 3-4 mm, puliamo una volta all’anno le serpentine e accertiamoci periodicamente che le guarnizioni dello sportello funzionino.

    5. Non lasciamo i carica cellulari perennemente inseriti nella presa di corrente. Prendiamo piuttosto la buona abitudine di utilizzare una ciabatta con interruttore da spegnere quando non necessario ricaricare i cellulari o altri dispositivi simili.

    6. Se abbiamo necessità dello scaldabagno, acquistiamone uno a gas che ha costi di esercizio inferiori di circa il 40% rispetto a quello elettrico. Evitiamo che la temperatura dell’acqua superi i 40-50°.

    7. Se abbiamo il riscaldamento autonomo, installiamo un termostato su ciascun calorifero in modo da farlo funzionare soltanto se nella stanza si trovano persone. Non fate superare alla temperatura i 21°.

    8. Infine, un’idea buona su come risparmiare energia elettrica in casa è quella di applicare un timer a tutti quei dispositivi che in genere sono perennemente collegati alla rete, programmando ad esempio lo spegnimento di campanelli e citofoni durante la notte.