NanoPress Allaguida Pourfemme Tecnocino Buttalapasta Stilosophy Tantasalute DesignMag QNM MyLuxury

Come aiutare nei compiti i bambini dislessici

Come aiutare nei compiti i bambini dislessici
da in Bambino, Mamma, Scuola
Ultimo aggiornamento:
    Come aiutare nei compiti i bambini dislessici

    Come aiutare nei compiti i bambini dislessici? Il momento dello svolgimento dei compiti è difficile per tutti i genitori; lo è ancora di più per i bimbi dislessici, che potrebbero avere maggiore difficoltà e percepirli come fonte di disagio e frustrazione. Per aiutali è necessario seguire alcuni consigli che permettono di rendere questo momento più agevole non solo per i bimbi, ma anche per i genitori. Come fare, dunque, ad aiutare i piccoli nello svolgimento dei compiti?

    Anzitutto è fondamentale che i genitori comprendano cosa sia la dislessia e come essa possa compromettere lo svolgimento dei compiti. La dislessia è un disturbo dell’apprendimento che si manifesta con la difficoltà di decifrare e comprendere un testo scritto e di discernere le caratteristiche morfologiche della lingua italiana. Questo disturbo, non riconducibile a carenze intellettive o sensoriali, può comportare un deficit dell’attenzione e incidere sul rendimento scolastico del bambino. Il supporto dei genitori nello svolgimento dei compiti è, quindi, fondamentale.

    Per aiutare il bimbo dislessico programmate, anzitutto, una rutine. Cercate di capire qual è l’ora migliore per vostro figlio, ma anche il luogo della casa più adatto. Cercate anche di iniziare a svolgere i compiti alla solita ora, dopo aver concesso al piccolo un paio d’ore di spacco dal rientro a scuola. I bimbi dilessici, infatti, fanno più fatica a recuperare le energie. Anche per questo, proponete di tanto in tanto una pausa al piccolo durante i compiti.

    Anche se il bimbo è dislessico ricordate la regola fondamentale di non sostituirvi a lui nello svolgimento dei compiti. Il bambino deve fare i compiti che verranno, poi, corretti dalla maestra.

    Il vostro ruolo deve essere semplicemente quello di assicurarvi che tutti i compiti e le attività scolastiche vengano portate a termine nei tempi giusti. Tuttavia, incoraggiate il bimbo a rivedere i propri compiti, correggendoli e migliorandoli; ciò lo renderà indipendente da voi.

    Quando il bambino svolge i compiti nel modo che gli avete indicato e secondo i tempi giusti, lodatelo e gratificatelo. Questo consiglio vale per tutti i genitori e, a maggior ragione, per quelli di genitori dislessici. Sottolineate, quindi, le cose fatte bene ed evitate di essere eccessivamente critici con gli errori!

    Per favorire l’apprendimento di un bambino dislessico privilegiate un approccio multi-sensoriale. Cercate, quindi, di usare la tecnologia e di portare al bimbo stimoli uditivi e visivi. Oltre agli strumenti tecnologici, usate cartoncini colorati, disegni e altri riferimenti visivi. Cercate anche dei libri da leggergli ad alta voce. Insomma, qualsiasi strumento che sviluppi le capacità sensoriali del bambino, è consigliabile.

    544

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN BambinoMammaScuola
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI