NanoPress Allaguida Pourfemme Tecnocino Buttalapasta Stilosophy Tantasalute DesignMag QNM MyLuxury

Come spiegare la disabilità ai bambini

Come spiegare la disabilità ai bambini
da in Bambino, Consigli mamma, Mamma, Sviluppo bambini
Ultimo aggiornamento:
    Come spiegare la disabilità ai bambini

    Come spiegare la disabilità ai bambini? Quando si tratta di disabilità si parla sicuramente di un tema delicato che coinvolge molte famiglie. I bambini possono farsi delle domande in tal senso e chiedersi come mai un loro compagno ha delle caratteristiche diverse dalle loro. Può capitare che i piccoli vengano a contatto a scuola, al parco, al supermercato, con amici o adulti che dimostrano qualche disagio o qualche comportamento particolare. Come fare, dunque, a spiegare la disabilità ai bambini?

    Va premesso che è assolutamente normale che i bambini facciano delle domande che riguardano il mondo che li circonda. Anche la disabilità, quindi, può essere oggetto delle loro attenzioni. Ad ogni modo, è bene non spaventarsi per le domande dei nostri bimbi e rispondere nel modo più sereno possibile. Insomma, meglio essere sinceri e dire la verità ai bambini. Nello stesso tempo non bisogna essere evasivi o evitare di trattare certi argomenti; insomma è inutile farli diventare dei tabù. Va anche detto, però, che molti bambini, anche piccoli, non si fanno particolari problemi e, anzi, superano di buon grado e senza troppe difficoltà questo tipo di barriere. Vi potrebbe capitare, quindi, di non avere nessun problema a spiegare la disabilità ai bambini. Anzi, che questo non sia neppure necessario. I piccoli, infatti, potrebbero avvicinarsi ai bimbi con difficoltà con curiosità e amore allo stesso tempo.

    Alcuni bambini potrebbero avere qualche difficoltà a comprendere le disabilità altrui.

    In questi casi è necessario che i genitori sappiano interloquire efficacemente con loro. Un handicap di un compagno di classe, ad esempio, potrebbe far sentire un altro bambino a disagio e, nell’imbarazzo di non sapere come comportarsi, portarlo ad allontanarsi o addirittura a rifiutarlo. In questi casi sarebbe bene cercare di spiegare che i bambini hanno i propri tempi nell’apprendimento e nel capire le cose, che alcuni piccoli si esprimono in modo diverso ma che sono comunque degni del nostro affetto e della nostra considerazione. Insomma, facciamo davvero capire ai più piccoli che la disabilità non è un problema fisico, ma semplicemente una nostra percezione mentale. In questo senso diamo noi stessi l’esempio: siamo spontanei e affettuosi con chi ha qualche handicap, sia con gli adulti che con i bambini. I bambini imparano soprattutto dall’esempio e attraverso il comportamento degli altri. Se ci vedono in difficoltà di fronte alla disabilità lo faranno loro stessi. Siamo quindi spontanei in tutti i nostri gesti e i bambini non sentiranno le differenze!

    Leggi anche come spiegare la morte ai bambini.

    494

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN BambinoConsigli mammaMammaSviluppo bambini
    PIÙ POPOLARI