Festa della mamma, poesie d’autore per degli auguri speciali

Le poesie d’autore per la Festa della mamma sono tantissime! Piccoli componimenti per fare degli auguri speciali alla persona più importante della nostra vita! Del resto, sono tantissimi gli autori che hanno dedicato i versi più belli proprio alla mamma, per celebrarne l’amore incondizionato e la pazienza. Tra i versi più famosi sicuramente quelli delle poesie di Neruda e le poesie dei tanti autori napoletani scritte in dialetto. Cosa aspettate, quindi? Scegliete tra le poesie brevi e gli aforismi più belli!

da , il

    Festa della mamma, poesie d’autore per degli auguri speciali

    Le poesie d’autore per la Festa della mamma sono tantissime! Piccoli componimenti per fare degli auguri speciali alla persona più importante della nostra vita! Tra i versi più famosi sicuramente quelli delle poesie di Neruda e le poesie sulla mamma di Eduardo De Filippo. Tra le poesie per la mamma in rima anche quelle in napoletano, da recitare insieme ai più piccoli, se hanno dimestichezza con questo dialetto. Cosa aspettate, quindi? Scegliete tra le poesie brevi, gli aforismi e i componimenti in versi più lunghi dedicati alla mamma!

    Poesie per la Festa della mamma brevi

    Tra le tante poesie per la Festa della mamma, anche quelle brevi, che non sono troppo difficili per i bambini. Sono comunque poesie di autori celebri, per degli auguri davvero speciali!

    La mamma

    (di Ada Negri)

    La mamma non è più giovane

    e ha già molti capelli

    grigi: ma la sua voce è squillante

    di ragazzetta e tutto in lei è chiaro

    ed energico: il passo, il movimento,

    lo sguardo, la parola.

    Poesia sulla mamma

    (di Rabindranath Tagore)

    Il sonno di un bambino

    Il sonno che scende

    su gli occhi di un bimbo,

    sa, qualcuno, di dove venga?

    Sì, dal villaggio delle fate,

    all’ombra di foreste illuminate

    dal chiarore delle lucciole…

    Di là viene a baciare

    gli occhi del mio bambino.

    Dalla finestra

    (di Giuseppe Fanciulli)

    Dalla finestra vedo un fresco prato,

    vedo la strada, il campo seminato,

    e gli alberi nel sol della mattina,

    le case nuove e la bianca chiesina.

    Volan gli uccelli in lieta compagnia,

    su per l’azzurro del cielo profondo;

    canta con dolce voce mamma mia

    E questo è così bello, è proprio il mondo!

    Supplica

    (di Pier Paolo Pasolini)

    È difficile dire con parole di figlio

    ciò a cui nel cuore ben poco assomiglio.

    Tu sei la sola al mondo che sa, del mio cuore

    ciò che è stato sempre, prima d’ogni altro amore.

    Per questo devo dirti ciò ch’è orrendo conoscere:

    è dentro la tua grazia che nasce la mia angoscia.

    Sei insostituibile. Per questo è dannata

    alla solitudine la vita che mi hai data.

    E non voglio esser solo. Ho un ‘infinita fame

    d’amore, dell’amore di corpi senz’anima.

    Perché l’anima è in te, sei tu, ma tu

    sei mia madre e il tuo amore è la mia schiavitù:

    ho passato l’infanzia schiavo di questo senso

    alto, irrimediabile, di un impegno immenso.

    Era l’unico modo per sentire la vita,

    l’unica tinta, l’unica forma: ora è finita.

    Sopravviviamo; ed è la confusione

    d’una vita rinata fuori della ragione.

    Ti supplico, ah, ti supplico: non voler morire.

    Sono qui, solo, con te, in un futuro aprile…

    Mia madre

    (di Giuseppe Garibaldi)

    Nelle circostanze più terribili

    della mia vita, quando l’oceano ruggiva sotto

    la carena, contro i fianchi della mia nave,

    sollevata come un sughero; quando le palle

    fischiavano alle mie orecchie e piovevano a

    me d’intorno fitte come la gragnola, io vedevo

    sempre mia madre inginocchiata, immersa e

    nella preghiera, ai piedi dell’Altissimo.

    Ed in me, quello che trasfondeva quel coraggio,

    di cui anch’io rimanevo stupito, era la convinzione

    che non poteva cogliermi alcuna disgrazia,

    mentre una così santa donna,

    un tale angelo pregava per me.

    La madre

    (di Victor Hugo)

    La madre è un angelo che ci guarda

    che ci insegna ad amare!

    Ella riscalda le nostre dita, il nostro capo

    fra le sue ginocchia, la nostra anima

    nel suo cuore: ci dà il suo latte quando

    siamo piccini, il suo pane quando

    siamo grandi e la sua vita sempre.

    Finestra illuminata

    (di Giovanni Pascoli)

    Forse è una buona vedova…

    Quand’ella

    facea l’imbastitura e il soprammano.,

    venne il suo bimbo e chiese la novella.

    Venne ai suoi piedi, ella contò del

    topo,

    del mago… Alla costura, egli, pian

    piano,

    l’ultima volta le sussurrò: Dopo?

    Dopo tanto c’è sempre qualche

    occhiello.

    Il topo è morto, s’è smarrito il mago.

    Il bimbo dorme sopra lo sgabello,

    tra le ginocchia, al ticchettio dell’ago.

    Poesie per la Festa della mamma in napoletano

    Le poesie in napoletano per la Festa della mamma dovrebbero essere recitate da quei bambini che conoscono il dialetto, ma le si può insegnare anche agli altri!

    A Mamma

    (di Salvatore di Giacomo)

    Chi tene ‘a mamma

    è ricche e nun ‘o sape;

    chi tene ‘o bbene

    è felice e nun ll’apprezza

    Pecchè ll’ammore ‘e mamma

    è ‘na ricchezza

    è comme ‘o mare

    ca nun fernesce maje.

    Pure ll’omme cchiù triste e malamente

    è ancora bbuon si vò bbene ‘a mamma.

    ‘A mamma tutto te dà,

    niente te cerca

    E si te vede e’ chiagnere

    senza sapè ‘o pecché, 

    t’abbraccia e te dice:

    “Figlio!!!”

    E chiagne nsieme a te.

    A cchiù sincera

    (di Antonio De Curtis-Totò)

    Tengo na ‘nnammurata

    ca è tutt’ ‘a vita mia.

    Mo tene sittant’anne, povera mamma mia!

    Cu chella faccia ‘e cera,

    sotto ‘e capille janche,

    me pare na sant’Anna

    cu ll’uocchie triste e stanche.

    Me legge dint’ ‘o penziero,

    me guarda e m’anduvina

    si tengo nu dulore

    si tengo quacche spina…

    Core ‘e mamma

    (di Giovanni Capurro)

    So’ mamma! Sta parola è ‘nu dulore

    quanno p’ ‘e figlie nun nce sta cchiù ppane.

    T’ ‘e strigne mpietto: gioia ‘e mamma, ammore…

    forze, se magnarrà quann’è dimane!

    Dimane!? e tu te siente squartà ‘o core,

    te guardano, chiagnenno, mmiezo ‘e mmane!

    Piatà! St’aneme ‘e Ddio cu ‘e carne ‘a fore

    mme morono, tremmanno comme ‘e cane!

    E ‘st’angiulillo?… Peppeniello mio!

    no, nun murì, mamma te tene nzino

    nfunnenno ‘e chiante ‘e ricciulille d’oro.

    Pe’ carità, v’ ‘o cerco a nomme ‘e Ddio,

    sarvate ‘e criature, e si è destino,

    Marò! tu lievammenne nzieme a loro!

    La poesia di Neruda per la Festa della mamma

    Tra le poesie in versi più celebri per la Festa della mamma, anche questa poesia di Neruda, “Mamadre”.

    La Mamadre, eccola che arriva

    con zoccoli di legno. Ieri notte

    soffiò il vento del polo, si sfondarono

    i tetti, crollarono

    i muri e i ponti,

    l’intera notte ringhiò con i suoi puma,

    ed ora, nel mattino

    del sole freddo, arriva

    la mia Mamadre, signora

    Trinidad Marverde,

    dolce come la timida freschezza

    del sole delle terre tempestose,

    lanternina

    minuta che si spegne

    e si riaccende

    perché tutti distinguano il sentiero.

    Oh, dolce Mamadre

    – mai avrei potuto

    dire matrigna –

    ora

    la mia bocca trema a definirti,

    perché appena

    fui in grado di capire

    vidi la bontà vestita di miseri stracci scuri,

    la santità più utile:

    quella dell’acqua e della farina,

    e questo fosti: la vita ti fece pane

    e lì ti consumammo

    nei lunghi inverni desolati

    con la pioggia che grondava

    dentro la casa

    e la tua ubiqua umiltà

    sgranava

    l’aspro

    cereale della miseria

    come se andasse

    spartendo

    un fiume di diamanti.

    Ahi, mamma, come avrei potuto

    vivere senza ricordarti

    ad ogni mio istante?

    Non è possibile. Io porto

    il tuo Marverde nel mio sangue,

    il cognome

    di quelle

    dolci mani

    che ritagliarono da un sacco di farina

    le braghette della mia infanzia,

    colei che cucinò, stirò, lavò,

    seminò, calmò la febbre,

    e, quando ebbe fatto tutto

    ed io ormai potevo

    reggermi saldamente sulle mie gambe,

    si ritirò, cortese, schiva,

    nella piccola bara

    dove per la prima volta se ne rimase oziosa

    sotto la dura pioggia di Temuco.