NanoPress Allaguida Pourfemme Tecnocino Buttalapasta Stilosophy Tantasalute DesignMag QNM MyLuxury

Dieta contro la gastrite: cibi acidi da evitare e cibi consigliati

Dieta contro la gastrite: cibi acidi da evitare e cibi consigliati
da in Alimentazione, Salute
Ultimo aggiornamento:
    Dieta contro la gastrite: cibi acidi da evitare e cibi consigliati

    Quali sono le caratteristiche delladieta contro la gastrite? Prima di tutto è importante imparare a conoscere i cibi acidi da evitare e i cibi consigliati.
    La gastrite è un disturbo molto diffuso che può essere causato da una cattiva alimentazione, ma anche da fattori psicologici. Una cattiva alimentazione potrebbe peggiorare la situazione. E’ necessario, dunque, seguire un’alimentazione che preveda quasi la completa eliminazione degli alimenti che favoriscono l’acidità dello stomaco. Ecco perchè bisogna conoscere la lista di tutti i cibi e le bevande acide da evitare in questa situazione.

    La gastrite è un’infiammazione molto frequente che colpisce la parete dello stomaco e può essere o meno correlata all’acidità di stomaco. I classici sintomi della gastrite in ogni caso sono l’acidità, che in genere si manifesta con bruciore di stomaco o sensazione di stomaco gonfio, digestione lenta, acidità, sapore amaro in bocca, crampi allo stomaco e, nei casi più gravi, anche con vomito e nausea, sensazione di vertigine e sudorazione fredda.

    La gastrite è molto fastidiosa e deve essere affrontata subito con una dieta corretta. Le cause all’origine possono essere diverse, non di rado la gastrite è legata allo stress psicologico o all’abuso di alcol e al fumo. Una dieta corretta è il primo step, in ogni caso, per evitare i sintomi più evidenti, ma è sempre necessario consultare un medico per avere la giusta cura. Ecco quindi gli alimenti da evitare e quelli consigliati in caso di gastrite.

    Chi soffre di gastrite deve fare attenzione ad evitare cibi e bevande che possano infiammare ulteriormente la mucosa dello stomaco e provocare il reflusso. La dieta e lo stile di vita sono molto importanti per risolvere molti dei problemi connessi. E’ importante anche non fare mai pasti eccessivi, ma mangiare in modo regolare ed equilibrato, masticare lentamente e seguire certi piccoli accorgimenti utili, come quelli di mangiare la frutta lontano dai pasti o mangiare ad orari regolari.

    • Pane fresco e con mollica e poco cotto,
    • farine integrali (e quindi anche pane integrale o di segale),
    • minestre grasse o con legumi interi o minestre con soffritti,
    • uova fritte,
    • carni grasse e condite con salse, conservate sotto sale, affumicate, in scatola o marinate, poco cotte,
    • fritti, umidi, stracotti, arrosti,
    • minestre con brodo di carne ristretto,
    • paste asciutte troppo condite, con sughi e spezie,
    • latte freddo, latte concentrato
    • formaggi fermentati e piccanti (pecorino, gorgonzola, camembert),
    • carne di maiale grassa, di montone, cacciagione, oca, anatra, tacchino salame, mortadella, cotechino pesce grasso,
    • sardine, aringhe, acciughe, anguilla, salmone, baccalà.
    • preparazioni fritte conservate in scatola, affumicate, essiccate, salate,
    • verdure fritte,
    • rape, porri, cavolo, cavolfiore, verza, pomodori, asparagi, funghi, insalata, barbabietole, cetrioli, fagiolini, finocchi, melanzane, peperoni, ravanelli,
    • verdura cruda(che in genere è un po’ troppo acida).
    • frutta secca: fichi, banane, castagne, arance, mandarini, uva, datteri, noci, mandorle, nocciole,
    • frutta acerba e con i semi.
    • vino e birra,
    • tutte le bevande gassate compreso l’acqua,
    • tè e caffè,
    • liquori ed aperitivi alcolici,
    • tutte le bevande ghiacciate,
    • liquidi troppo caldi,
    • succhi di frutta acidi (limone, pompelmo, arancio, albicocca).
    • dolci fritti, farciti, di pasta sfoglia, con crema, cacao, cioccolato, gelati, sorbetti,
    • tutti i grassi cotti, soprattutto se cotti a lungo, i fritti, il lardo, lo strutto, tutte le spezie piccanti, la senape,
    • l’aceto tutti gli alimenti conservati e fermentati.
    • Pane abbrustolito, secco, crosta di pane,
    • crakers, grissini, fette biscottate, biscotti secchi riso,
    • pasta, semolino, cereali, tapioca,
    • latte da bere o contenuto in alimenti vari come purea di patate, dolci, creme o besciamella,
    • formaggi freschi non fermentati come mascarpone, mozzarella, scamorza, robiola, stracchino, crescenza, fontina,
    • uova alla coque, in camicia, sode,
    • carni di vitello, pollo, coniglio, manzo e maiale magri, cosciotto di agnello,
    • prosciutto cotto e crudo magro,
    • pesce fresco magro, bollito o alla griglia o al forno (da preferire la sogliola, la trota, il nasello e il pesce persico, il branzino e l’orata),
    • verdure: passati di verdura in genere, patate, lattuga, cuori di carciofi, carote cotte, barbabietole rosse, piselli piccoli cotti e passati, fagiolini, pomodori senza pelle e senza semi, sedano tritato finemente,
    • frutta fresca ben matura sbucciata e senza semi,
    • caffè leggero (meglio se d’orzo e a stomaco pieno),
    • acqua e bevande non gasate,
    • tisane varie,
    • succhi di frutta non acidi diluiti con acqua.
    • dolci: zucchero, crostate di frutta, meringa, caramelle, biscotti secchi, gelatine di frutta burro, olio, margarina a crudo, aromi vari ed erbe aromatiche, succo di limone al posto dell’aceto.

    E’ fondamentale, quindi, imparare a riconoscere i cibi poco indicati per chi soffre di gastrite, ma è già molto d’aiuto evitare quelli molto grassi e privilegiare la dieta mediterranea e dei metodi di cottura leggeri come la cottura a vapore o alla griglia. Un buon consiglio, inoltre, è quello di fare piccoli pasti frequenti (ad esempio 5 al giorno: colazione, spuntino, pranzo,altro spuntino e cena) evitando di mangiare, così, eccessivamente a pranzo e a cena.

    1061

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN AlimentazioneSalute
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI