Orzaiolo, cause e rimedi naturali per curarlo

da , il

    Orzaiolo, cause e rimedi naturali per curarlo

    L’orzaiolo è un’infiammazione che colpisce le ghiandole sebacee delle palpebre dell’occhio, situate sulla base delle ciglia, ma quali sono i rimedi naturali per curare questo fastidio? Da sempre i rimedi della nonna per l’orzaiolo sono i più efficaci, infatti, a meno che non si tratti di un’infiammazione molto estesa, è con essenza naturali impacchi o altro che si risolve il problema.

    L’orzaiolo può formarsi esteriormente, quando colpisce una ghiandola di Zeis, o internamente all’occhio, quando cioè la ghiandola infettata è una ghiandola di Meibomio.

    L’orzaiolo di solito è causato da un’infezione batterica provocata dallo stafilococco, quest’ultimo attacca la palpebra, ottura il dotto escretore è fa nascere l’infezione.

    L’infezione si manifesta con un rigonfiamento della palpebra e da un suo arrossamento e da un bruciore concentrato sulla zona interessata. I sintomi saranno dunque bruciore, lacrimazione e lieve intolleranza alla luce troppo forte.

    I rimedi naturali potranno essere utilizzati per alleviare l’orzaiolo esterno, se invece fosse esterno sarebbe meglio farsi prescrivere una cura dal proprio medico curante.

    Controllare l’orzaiolo

    Innanzitutto bisognerà fare attenzione a non farlo estendere per questo basterà seguire alcune semplici indicazioni:

    • Non strofinare l’occhio;
    • Utilizzare un panno pulito ogni volta che si lava e disinfetta l’occhio;
    • Lavarsi le mani prima e dopo aver toccato l’occhio infetto;
    • Evitare di toccare direttamente con le mani ciglia o palpebre con pomate o gel (usare dell’ovatta);
    • Evitare di truccarsi sugli occhi;
    • Evitare di mettere le lenti a contatto per evitare irritazioni ulteriori.

    Orzaiolo: rimedi naturali

    Ecco dei rimedi naturali:

    • Impacco di camomilla: preparate una camomilla, prendete due pezzi di ovatta e immergeteli nel liquido, strizzateli leggermente ed applicateli sugli occhi. Lasciateli su per almeno 15 minuti. Ripetete l’impacco 2/3 volte al giorno.
    • Acqua distillata: fare degli impacchi di acqua distillata come quelli di camomilla, senza riscaldare il liquido.
    • Fiori di calendula: al posto della camomilla potrete utilizzare i fiori di calendula. Portare i fiori a ebollizione con l’acqua e poi fare gli impacchi.
    • Olio extravergine d’oliva: mescolare una parte di olio d’oliva ed una uguale di acqua, con un bastoncino di cotone bagnate la parte infetta dell’occhi facendo attenzione a non far entrare il composto nell’occhio. Restare a riposo con l’olio posto per 5 minuti.