Tumore alla tiroide: sintomi e conseguenze

da , il

    Tumore alla tiroide: sintomi e conseguenze

    Il tumore alla tiroide ha diversi sintomi, ma quali sono le conseguenze in questi casi? La tiroide è una ghiandola che si trova nella parte anteriore del collo e che produce due tipi di ormoni diversi che regolano il battito cardiaco, la pressione, il peso e la concentrazione di calcio nell’organismo. Il tumore si forma quando all’interno della ghiandola si altera il normale processo di rigenerazione cellulare; in questi casi, infatti, vengono prodotte cellule di cui l’organo non ha bisogno e quelle vecchie non muoiono. L’accumulo di queste cellule in surplus va a formare la massa di tessuto detta tumore. Fortunatamente, nel caso del cancro alla tiroide, le possibilità di sopravvivenza sono molto alte e superano il 90%. Ma, quali sono i sintomi da cui riconoscere il tumore che colpisce questa ghiandola?

    Sintomi

    In fase iniziale, di solito, il tumore alla tiroide è asintomatico (non presenta cioè alcun sintomo), tuttavia negli stadi avanzati possono comparire i seguenti sintomi: gonfiore nella parte anteriore della gola, raucedine e cambiamenti nella voce, gonfiore dei linfonodi del collo, problemi di deglutizione, difficoltà nella respirazione e mal di gola o male al collo che non guariscono. Spesso alcuni di questi sintomi non sono spia di un tumore, ma di patologie più blande e meno gravi. Tuttavia, qualora queste manifestazioni non guariscano nel giro di due o tre settimane, si consiglia rivolgersi al medico, per una diagnosi precoce e una terapia efficace.

    Cause

    Ancora non sono del tutto note le cause del tumore alla tiroide. Le ricerche condotte finora, però, hanno individuato alcuni fattori di rischio, quali: l’esposizione a radiazioni, la familiarità, l’età (superiore ai 45 anni) e una dieta povera di iodio.

    Cura e conseguenze

    In questi casi sono possibili più terapie, a seconda del tipo di tumore (papillare, follicolare, midollare o anaplastico), dell’età del paziente e dell’eventuale presenza di metastasi (diffusione delle cellule tumorali in altre sedi del corpo o in altri organi). Gli interventi possibili per il tumore alla tiroide sono, in generale: l’intervento chirurgico, la terapia ormonale, la terapia radiometabolica a base di iodio radioattivo, la radioterapia e la chemioterapia. In alcuni casi, però, viene indicata una terapia combinata. Come anticipato, fortunatamente, per il tumore alla tiroide le possibilità di sopravvivenza sono molto alte. Eventuali conseguenze, seppur lievi, possono essere quelle legate ai postumi dell’intervento chirurgico, in particolare di quello di asportazione totale della tiroide. In questo caso, poiché non è possibile vivere senza questa ghiandola, sarà prescritta una terapia ormonale sostitutiva al paziente.

    Scopri anche quali sono i sintomi dell’adenoma tiroideo e quali le cause dei noduli che si formano in questa ghiandola.