Animali in casa: cosa fare se il tuo partner li odia

Gli animali in casa non fanno per tutti, se poi il partner li detesta ancora peggio. Scopriamo cosa fare in questo caso e come gestirli al meglio, per evitare discussioni e litigi continui.

da , il

    Animali in casa, cosa fare se il tuo partner li odia? La convivenza con cani e gatti non è cosa per tutti e se gestita nel modo sbagliato, può addirittura scatenare litigi e discussioni frequenti. Specialmente se il partner è allergico o detesta gli animali che gironzolano tra le pareti domestiche. Per non parlare delle coppie con figli con opinioni diverse in merito alla presenza di animali in casa. Ma allora cosa fare?

    Stabilire confini precisi

    Permettere al cane o al gatto di dormire su letti e divani e gironzolare ovunque in casa è il miglior modo per scatenare la lite. Le soluzioni sono due: mandi fuori il partner o arrivi a un compromesso. La prima opzione, sempre che nel frattempo non ti sia accorta che non fa per te, andrebbe preferibilmente evitata. La seconda può essere messa in atto realizzando una casa a prova di gatto e stabilendo confini precisi per il tuo pet. Per esempio: salotto sì, cucina no, camera no, corridoio sì. Per riuscirci bisogna abituare progressivamente l’animale a non entrare nelle stanze proibite, spostandolo di volta in volta con le buone maniere, senza urli. Inoltre è buona norma chiudere le porte.

    Abituare pian piano il partner

    Anche se all’inizio urlerà in preda alla rabbia o al panico, gradualmente anche il partner più furioso si abituerà alla presenza dell’animale, che sia un gatto o un cane. E’ sufficiente tenere l’animale in casa per qualche ora, senza esagerare, rispettando i confini di cui parlavamo prima. Pian piano non ci farà nemmeno più caso.

    Pulire subito eventuali “ricordini”

    Escrementi e pipì sono particolarmente fastidiosi in casa, specialmente per il partner che detesta gli animali. La soluzione migliore per evitare che l’odio prenda il sopravvento è pulire subito eventuali “ricordini”, soprattutto prima che lui/lei se ne accorga. Altrimenti sono guai.

    Tenere l’animale pulito

    Un animale pulito e ben tenuto fa un effetto completamente diverso da un gatto o un cane trascurato. E’ quindi buona norma lavarlo spesso, senza esagerare, ed eventualmente passargli il pelo con qualche salvietta per animali. Si trovano in commercio a modico prezzo ed evitano bagnetti continui, che fra l’altro sono sconsigliati.

    Chiamare uno psicologo

    Se di rinunciare all’animale non se ne parla ma il tuo partner ha una vera e propria fobia, la soluzione migliore consiste nel contattare un professionista che lo aiuti pian piano a superare la sua paura irrazionale. Nel frattempo, per sensibilità, sarà meglio circoscrivere la presenza dell’animale in casa.