Classe energetica: nuove etichette per gli elettrodomestici

da , il

    Classe energetica: nuove etichette per gli elettrodomestici

    Alla fine del 2010 sono entrate in vigore delle regolamentazioni più specifiche che riguardano la classe energetica alla quale appartengono tutti gli elettrodomestici che possediamo in casa. Fino al maggio del 2010 le etichette che indicavano la classe energetica a cui appartenevano apparecchi della casa non riguardavano per esempio i lettori DVD, i telefoni senza fili, le tv e tutti i piccoli accessori elettrici della casa, oggi invece anche per questi, al momento dell’acquisto, potremo sapere quanto e come consumano e che impatto hanno sull’ambiente. Oltre questo da dicembre sono state modificate le caratteristiche delle etichette energetiche, vediamo come dopo il salto.

    Per ogni categoria di prodotto è stato elaborato un regolamento ad hoc con indicazioni precise sulla tipologia di informazioni che deve contenere l’etichetta corrispondente. Tutte le nuove etichette saranno obbligatorie entro il 2011, ma non tutte lo sono già da adesso.

    Le regole generali per la definizione del risparmio energetico sugli elettrodomestici che saranno applicate sono:

    - La scala energetica che prima andava da A a G, acquisisce tre nuove classi che indicano i prodotti a più basso consumo: A+, A++ e A+++.

    - I colori andranno dal verde scuro per i prodotti più efficienti, al rosso per quelli che invece consumano di più.

    - Per ogni categoria di prodotto è stato elaborato un regolamento ad hoc, con indicazioni precise sulla tipologia di informazioni che deve contenere.

    Vediamo come si dovranno leggere le nuove etichette e quando potremo trovarle applicate agli elettrodomestici al momento dell’acquisto.

    Etichetta energetica lavastoviglie

    Il regolamento per quanto riguarda la lavastoviglie è entrato in vigore lo scorso 20 dicembre 2010, l’etichetta energetica da apporre alle lavastoviglie, dovrà riportare le seguenti informazioni:

    • il nome o marchio del fornitore;

    • il modello dell’apparecchio;

    • la classe di efficienza energetica;

    • il consumo annuo di energia (AEC) espressa in kWh/anno;

    • il consumo annuo di acqua (AWC) espressa in litri/anno;

    • la classe di efficienza di asciugatura;

    • le emissioni di rumore aereo espresse in dB(A) re 1 pW.

    Etichetta energetica televisione

    Questa sarà obbligatoria a partire dal prossimo 30 novembre 2011 e dovrà contenere le seguenti informazioni:

    • il nome o marchio del fornitore;

    • il modello dell’apparecchio;

    • la classe di efficienza energetica del televisore;

    • il consumo di energia in modo acceso espresso in Watt;

    • il consumo annuo di energia in modo acceso espresso in kWh/anno;

    • la diagonale dello schermo visibile, sia in centimetri che pollici.

    Etichetta energetica frigoriferi e congelatori

    La nuova etichetta di frigoriferi e congelatori sarà applicata, come per le tv, a partire dal 30 novembre 2011, e dovrà contenere le seguenti informazioni:

    • il nome o marchio del fornitore;

    • il modello dell’apparecchio;

    • la classe di efficienza energetica dell’apparecchio;

    • il consumo annuo di energia (AEC) espresso in kWh/anno;

    • la somma del volume utile di tutti gli scomparti senza stelle (ossia con temperatura di funzionamento > – 6 °C);

    • la somma del volume utile di tutti gli scomparti per la conservazione di alimenti congelati (ossia con temperatura di funzionamento ≤ – 6 °C);

    • le emissioni di rumore aereo, espresse in dB(A) re1 pW.

    Etichetta energetica lavatrice

    Il 30 novembre di quest’anno anche per le lavatrici saranno utilizzate le nuove etichette che dovranno informare su:

    • il nome o marchio del fornitore;

    • il modello dell’apparecchio;

    • la classe di efficienza energetica dell’apparecchio;

    • il consumo annuo ponderato di energia (AEC) espresso in kWh/anno;

    • il consumo annuo ponderato di acqua (AWC) espresso in litri/anno;

    • la capacità nominale, espressa in kg, per il programma standard a pieno carico per tessuti di cotone a 60 °C o a 40 °C, a seconda di quale valore sia inferiore;

    • la classe di efficienza della centrifuga;

    • le emissioni di rumore aereo, espresse in dB(A) re 1 pW, durante le fasi di lavaggio e centrifuga per il programma standard per tessuti di cotone a 60 °C a pieno carico.