Colori delle pareti: come scegliere quelli più adatti alla tua casa [FOTO]

da , il

    Quando si tratta di scegliere il colore più adatto alle pareti della propria casa non c’è gusto personale che tenga: ci piace il verde, il violetto o l’azzurro? Non importa: dovete sapere infatti che il colore degli ambienti ha il potere di influenzare la psicologia delle persone e che anche le proporzioni dei locali giocano un ruolo importante nella scelta del colore.

    Cromoterapia: relazione tra colore e reazioni emotive

    La cromoterapia studia la relazione fra colore e reazioni emotive, impercettibili ma importanti per il benessere dell’uomo. Vediamo quali sono gli effetti che i colori hanno su di noi.

    BLU:

    E’ usato spesso nelle camere da letto perché tende a rallentare i battiti cardiaci e la respirazione, favorendo così anche la concentrazione.

    BIANCO:

    E’ il colore più delicato in assoluto: è il colore della precisione e dell’ordine, ingrandisce gli spazi e dà più luce agli ambienti.

    ARANCIONE/GIALLO:

    Colori carichi di positività, stimolano la creatività e la comunicazione. Sono ideali per le stanze del gioco, per uno studio, per la cucina o la sala da pranzo.

    ROSSO:

    Guardare il rosso eccita e alza la pressione: per questo è poco indicato per dipingere da cima a fondo una stanza e per nulla appropriato per la camera da letto.

    VERDE:

    E’ un colore rilassante, che favorisce l’equilibrio e la concentrazione. E’ perfetto per il bagno, uno studio, ma anche un corridoio o un’entrata. Indicato anche per camere di bambini.

    ROSA:

    Colore della femminilità, agisce sul sistema nervoso, rilassandolo.

    MARRONE:

    Si associa alle cose solide e durature E’ perfetto come colore nei pavimenti perché rappresenta la terra e dà stabilità.

    NERO:

    In casa può essere utilizzato per rendere più densi altri colori.

    Come ravvivare l’ambiente domestico

    Il corridoio, soprattutto se stretto e lungo, bisogna evitare di renderlo ancora più buio: i colori più adatti sono il grigio perla, le tonalità crema, i pastello. Se è lungo tinteggiamo la parete frontale con un colore scuro e forte: in questo modo bilanceremo la profondità.

    Per il soggiorno sono da preferire i colori caldi che stimolano la conversazione.

    Nello studio per stimolare l’attenzione scegliete il giallo e il bianco insieme, oppure verde. No all’arancio e al viola.

    La camera da letto: per quella degli adulti si consigliano colori più freddi, ma rilassanti, come il blu o il verde o il lilla/viola, che conciliano il sonno. Evitate il giallo e il rosso, troppo stimolanti. Per quella dei bambini puntate sui colori tenui, come il verde acqua e il rosa.

    Nel bagno si dovrebbero scegliere i toni sfumati del verde e dell’azzurro, perché rievocano i colori dell’acqua.

    In cucina i colori più indicati sono il bianco e il giallo, perché danno luce e un senso immediato di igiene e pulizia. Ma anche il marrone che ricorda la terra o il verde che evoca la natura.

    In sala da pranzo sono perfetti il giallo e l’arancio, che stimolano l’appetito e sostengono le funzioni epatiche.

    Per verificare il risultato finale delle tinte scelte, è buona norma tinteggiare solo una porzione delle parete per vedere l’effetto che fa di giorno e sotto la luce artificiale.