Melanzane sott’olio senza cottura: la ricetta originale

da , il

    Melanzane sott’olio senza cottura: la ricetta originale

    Le melanzane sott’olio rappresentano un ottimo contorno o un antipasto sfizioso e si accompagnano molto bene con una varietà di alimenti. La preparazione delle melanzane sott’olio è di solito diversificata a seconda della provenienza territoriale e della tradizione famigliare, però ci sono dei procedimenti standard, originali, che andrebbero sempre seguiti. Nella seguente ricetta sono presenti le istruzioni per preparare le melanzane sott’olio senza cottura, nella maniera tradizionale. Sono molto rapide e particolarmente gustose, però ricordate di mettere sotto sale le melanzane la sera prima, altrimenti potrebbero conservare il loro gusto amarognolo.

    Andiamo in cucina e passiamo subito alla nostra gustosa ricetta.

    Ingredienti

    - 10 melanzane lunghe

    - 1 Kg di sale fino

    - Aceto di vino bianco

    - 1 lt di olio d’oliva

    - 1 testa d’aglio

    - Origano

    - Peperoncini freschi

    Le quantità di origano e di aglio decidetele voi, ognuno deve basarsi sui proprio gusti personali, soprattutto quando si parla di un ingrediente come l’aglio non facile da digerire.

    Preparazione

    Lavate e tagliate le melanzane a fette spesse circa mezzo centimetro e lunghe una decina di centimetri circa. Ora bisogna metterle sotto sale per eliminare il liquido che conferisce alla melanzana quel caratteristico sapore amarognolo. Disponete le fette a strati, cospargendole di sale fino, dentro un contenitore forato e poggiatelo su un recipiente che servirà a raccogliere il liquido. Mettete sopra le melanzane un piatto o un peso per schiacciarle e lasciatele drenare per tutta la notte. Fate lo stesso con i peperoncini, dopo averli tagliati a fettine sottili.

    Il giorno dopo prendete le melanzane e immergetele in una soluzione composta per una metà di acqua e per l’altra di aceto. Dopo dodici ore scolate le melanzane e sistematele su un panno bianco, pulito, quindi strizzatele e infilatele in vasetti di vetro sterilizzati (per farle durare anche diversi mesi) e a chiusura ermetica, condendole con due spicchi d’aglio tritato, due peperoncini a pezzetti e una spolverata di origano per ogni barattolo.

    Versate l’olio d’oliva ogni tre o quattro strati e alla fine rimboccate fino all’orlo se necessario. È importante che tutte le melanzane siano ricoperte do olio.

    La ricetta originale, ad onor del vero, prevede che le melanzane vengano immerse in aceto puro; io l’ho diluito per non sentirne il sapore troppo forte, ma se al contrario vi piace, non aggiungete l’acqua.

    Chi invece vuol sentire il meno possibile l’aceto può tenere le melanzane in ammollo solo per un paio d’ore, oppure procedere con la cottura in acqua aceto; questa soluzione è però consigliata ai soli esperti, perché anche pochi secondi in più di bollitura possono rovinare le melanzane.

    L’utilizzo dell’aceto, in ogni modo, serve ad evitare la formazione di muffa. A Napoli la ricetta tipica infatti prevede solo olio d’oliva, tralasciando quindi l’immersione nell’aceto..a voi la scelta!