Tutti gli usi della cenere: una guida al riciclo

da , il

    Tutti gli usi della cenere: una guida al riciclo

    Tutti gli usi della cenere. Il riciclaggio è ormai una pratica frequente, non solo permette di risparmiare, ma aiuta a rispettare l’ambiente. Molti rifiuti, o almeno quelli che noi crediamo tali, possono essere semplicemente riutilizzati in casa. Potrà sembrare strano ma persino la cenere può essere riciclata. Per riutilizzarla occorre anzitutto accertarsi che essa non provenga dalla combustione di legno trattato, verniciato o laccato perchè in questi casi conterrà molte sostanze dannose per la salute. Ecco allora una guida utile per riciclare la cenere.

    Concime per le piante

    cenere-usata-come-concime

    Un primo modo per riutilizzare la cenere consiste nel ricorrervi per concimare le piante che abbiamo in casa o in giardino. La cenere del camino è infatti un ottimo fertilizzante. La cenere può essere impiegata da sola oppure mescolata al terreno o a un compost. Tuttavia, prima di impiegarla a questo scopo, è indispensabile farla raffreddare.

    Detersivo per pulire casa

    Cenere-come-detersivo

    Un altro modo per riutilizzare la cenere che abbiamo in casa è la preparazione della lasciva (o lascivia), un sapone naturale adatto per la pulizia della casa e del bucato, che otteniamo mescolando semplicemente la cenere con dell’acqua con un rapporto di 1 a 5. Successivamente questo composto deve essere filtrato fino a ottenere una pasta morbida. La cenere può essere impiegata anche per la pulizia dell’acciaio mescolandola con dell’olio d’oliva in un contenitore. Otterremo in questo modo un impasto cremoso che, con l’aiuto di una spugnetta, passeremo sulla superficie da pulire.

    Disinfettante naturale per canarini

    cenere-come-disinfettante

    La cenere può essere riutilizzata come disinfettante naturale per i canarini; a questo scopo possiamo immetterne una piccola quantità nelle vaschette per il bagnetto, gli animali ringrazieranno!

    Sapone naturale

    Sapone-con-cenere

    Per ottenere il sapone naturale con il fai da te dovrete mescolare la cenere con acqua e olio extravergine d’oliva, fino ad ottenere una lisciva molto concentrata. Ecco il procedimento: mettete a bollire in un pentolone la lisciva fino ad ottenere un composto molto concentrato. Quindi aggiungete l’olio e continuate a far bollire girando. Quando il liquido inizierà a schiumare avrà avvio il processo di saponificazione. Continuate a cucinare a fuoco molto basso, mescolando frequentemente. Procedete fino a quando tutta l’acqua sarà evaporata, quindi spegnete il fuoco continuando a mescolare. Versate i grumi in uno stampo di legno e lasciate l’olio non saponificato nella pentola. Nel giro di circa 48 ore la saponetta si solidificherà.

    Fertilizzante per terreni acidi

    cenere-fertilizzante

    I terreni eccessivamente acidi possono essere bilanciati aggiungedovi un po’ di cenere. L’importante è non utilizzarla se le piante coltivate (rose, azalee, rododendro ecc.) prediligono un suolo acido.

    Lucidante per argenteria

    cenere-per-pulire-l'argenteria

    La cenere può essere impiegata per lucidare l’argenteria: basterà mescolarla con un po’ d’acqua tiepida e succo di limone. Con il composto così ottenuto e una spugnetta morbida potrete strofinare i vostri pezzi d’argento, che torneranno come nuovi!