Genitori e figli, regole di sopravvivenza per l’anno nuovo

da , il

    Genitori e figli, regole di sopravvivenza per l’anno nuovo

    Siete disperati, stanchi e depressi, perchè i figli vi stanno sottraendo ogni particella di energia e le, poche, ore di sonno non bastano a recuperare? Ebbene sappiate che esistono le regole per l’anno nuovo anche per i genitori sfiniti, prima di infuriarvi e scagliarvi contro chi scrive simile diavolerie provate a leggere. Poi, avete tutto il diritto di sottolineare che in realtà basterebbe staccare la spina per qualche ora, ma poiché il ruolo di genitore non prevede tale pratica meglio prepararsi e affrontare il nemico adorato.

    Segui il tuo cuore

    I bambini sono sinceri, le loro bugie sono innocenti distorsioni della realtà, è possibile e doveroso fidarsi di loro e solitamente le emozioni dei genitori guidano nella giusta direzione, basta saper ascoltare.

    Apprezzare i pregi del bambino e rispettare i suoi limiti

    Ogni bambino, così come ogni adulto, ha qualità che lo distinguono e altre capacità che gli mancano, apprezzare i pro e non sminuire i contro aiuta nel rapporto con loro, incoraggiarli va bene ma pretendere ciò che non possono dare è un atteggiamento sadico e immaturo.

    Onorare le differenze individuali di ogni bambino

    Sono piccoli ma perfettamente capaci di dimostrare i tratti che li caratterizzano, la personalità si costruisce nel tempo ma alcuni aspetti appartengono all’io fin dall’infanzia, proprio per questo motivo ogni bambino è diverso dall’altro, dare per scontato atteggiamenti simili se non uguali è pura follia. Capire ognuno di loro è la via per il dialogo.

    Non metterli in imbarazzo

    Se non è in grado di fare un qualcosa, perchè manca l’abilità o perchè è troppo piccolo per quella sfida, non sminuitelo, mettere in imbarazzo i bambini equivale a bloccarne la crescita, oltre a minare la sua fiducia, autostima , probabilmente, aumentare l’aggressività.

    Saper chiedere aiuto

    Nel caso individuiate qualche problema saper chiedere aiuto è un punto a favore dei genitori, interdipendenza è un atteggiamento più sano di indipendenza. Anche i bambini impareranno a loro volta che chiedere aiuto è un’azione con soli vantaggi.

    Dedicarsi solo ai bambini

    Veniamo sempre disturbati da altro, anche quando crediamo di giocare con loro, la nostra attenzione in realtà è focalizzata su mille e una faccenda, cucina, lavoro, telefono, televisione, è buona norma riuscire a dedicare un po’ di tempo al giorno esclusivamente ai bambini, per metterli al centro del mondo e rassicurarli sulla presenza dei suoi genitori.

    Insegnare ai bambini a subire le delusioni

    Imparare dagli errori più che dai successi non è solo un modo di dire, la memoria è strana e si attiva con più forza in caso di delusione, insegnare ai bambini a memorizzare gli sbagli e a non affrontare con isteria ogni fallimento è un ottimo punto di partenza per il futuro.

    Rapporto con i genitori sempre al primo posto

    Indipendentemente se vogliate o meno seguire i consigli dati, o ne avete altri di migliori, l’importante è che il vostro rapporto con i figli sia unico e sempre presente. I bambini che crescono con la cura della famiglia crescono più sani, più istruiti, più ricchi, e la società diventa più forte e più umana.