Miopia nei bambini: sintomi, cause, cura e regressione

da , il

    Miopia nei bambini: sintomi, cause, cura e regressione

    I sintomi e le cause della miopia nei bambini sono diversi. Ma, la regressione della malattia è possibile? La miopia nei bambini è molto più diffusa di quanto si pensi perché essa può insorgere anche in età infantile. Proprio per diagnosticare questa e altre patologie della vista, quindi, si consiglia di fare delle visite oculistiche di controllo, soprattutto quando il bambino manifesta o lamenta i sintomi di una scarsa visione.

    Sintomi

    Chi soffre di miopia può vedere bene da vicino e peggio da lontano. Per questo i sintomi, in questi casi, sono facilmente riscontrabili. Anzitutto, il bambino potrebbe lamentare mal di testa frequente, dovuto proprio alla scarsa visione. Inoltre è possibile che il piccolo corrucci spesso la fronte quando guarda qualcosa più da lontano, come la televisione. Anche se si stropiccia gli occhi spesso, soffre di vertigini e mal d’auto, ha difficoltà nei giochi con la palla, è scoordinato nei movimenti, ha difficoltà nella lettura, si avvicina agli oggetti per prenderli o guardarli e riporta di non riuscire a vedere bene la lavagna a scuola, sarebbe consigliabile una visita oculistica di controllo.

    Cause

    A causare la miopia sarebbero sia fattori genetici che ambientali. Si è stimato, ad esempio, che le popolazioni con più alta scolarità soffrono più spesso di questo disturbo. Questa maggiore percentuale si spiega con l’impegno ravvicinato che si chiede agli occhi dei bambini nel corso della giornata. In altre parole, gli occhi dei bimbi si abituano molto di più a guardare vicino che lontano e questo, a lungo andare, può significare l’insorgere della miopia.

    Cura

    Come curare la miopia nei bambini? In questi casi si interviene generalmente con la prescrizione degli occhiali. Solo dopo i 14 anni alcuni oculisti permettono l’utilizzo delle lenti a contatto e, dopo i 18 o più, il ricorso alla chirurgia refrattiva. Quest’ultima viene sconsigliata prima della crescita definitiva dell’occhio perché il trattamento potrebbe non risultare definitivo. Non solo, non si conoscono le possibili conseguenze sulla cornea di interventi attuati in pazienti che hanno un’aspettativa di vita di 80 anni. Di conseguenza, anche negli adulti, l’intervento correttivo con il laser andrebbe sempre ben ponderato.

    Scoprite anche se i vostri bambini soffrono di astigmatismo, una patologia ugualmente diffusa tra i più piccoli.