Poesie festa del papà: 5 poesie da imparare a memoria

da , il

    Poesie festa del papà: 5 poesie da imparare a memoria

    Eccoci anche quest’anno quasi giunti al giorno della festa del papà, un’occasione in più per preparare con i nostri bambini qualcosa di davvero speciale per festeggiare insieme. Una delle cose che piace di più sia ai bimbi che ai papà è quella di ascoltare delle fantasiose poesie recitate a memoria dai propri piccoli, se proprio non doveste riuscire ad impararle, potreste pensare di preparare un biglietto di auguri in carta, magari un bel biglietto pop up, con la poesia scritta e leggerla con il vostro bambino davanti al papà. Di seguito alcune delle poesie più famose da dedicare al papà.

    Per un papà che abita vicino o lontano, un papà dolce o molto indaffarato, la preparazione di un pensiero da preparare con i propri bimbi per uno dei genitori è sempre un’ottima attività educativa. Si trasmette la voglia di dare agli altri e principalmente di essere affettuosi con i propri cari.

    Il papà ne sarà di certo entusiasta. Tra le poesie qui di seguito scegliete quella che vi piace di più o anche quella più semplice da recitare con il vostro piccolo.

    Al Babbo lontano di A. Cuman Pertile

    Caro uccellino che volando vai,

    il babbo mio di certo tu vedrai:

    digli che è tanto buono il suo bambino,

    e che spesso gli manda un bel bacino,

    digli che gli vuol bene e che lo aspetta:

    vola, uccellino, vola vola in fretta!

    Il Principe di M. Moschini

    Arriva un Principe

    con un cavallo bianco:

    viene da lontano

    e sembra molto stanco.

    Al posto della spada

    c’è l’ombrello

    e c’è il cappotto

    al posto del mantello;

    però a guardarci bene

    il cavallo non ce l’ha,

    io gli corro incontro

    e gli dico: ‘Ciao papà!’

    Il Bambino Perduto di William Blake

    Babbo, babbo, dove vai?

    Oh, non camminare così veloce.

    Parla, babbo, parla al tuo bambino,

    O io mi perderò.

    La notte era scura, nessun padre c’era;

    Il bimbo era bagnato di rugiada;

    il fango era profondo,

    e il bimbo pianse,

    e la nebbia svanì fugace.

    Filastrocca per la festa del papà

    Papà dammi la mano

    grande e forte mi sento con te

    tu mi guardi e mi dici piano

    sono felice se tu sei con me.

    Se mi prendi sulle tue spalle

    io mi sento un capo tribù.

    Se mi tieni stretto al cuore

    il mio amico più caro sei tu.

    Per la strada la gente ci sorride

    e ci guarda perché

    pensa che tu sei il mio gigante

    ma io sono il tuo re.

    Grazie Papà di B. Bartolini

    Da te, papà, ricevo tanto.

    A te, papà, io voglio bene.

    Dite, papà, io vado fiero.

    A te, papà, io dico grazie.

    Grazie papà, per il bene che mi vuoi.

    Grazie papà, per i doni che mi fai.

    Con te, papà, non ho paura.

    Con te, papà. mi sento forte.

    Con te, papà, mi trovo bene.

    A te, papà, io dico grazie.

    Grazie papà, per la gioia che mi dai.

    Grazie papà, per quello che tu sei.