Torcicollo in gravidanza: cosa fare e i rimedi per curarlo

Cosa fare per il torcicollo in gravidanza? Quali sono i rimedi per curarlo? Nei nove mesi capita di soffrire di piccoli e grandi fastidi, che possono compromettere la vita di tutti i giorni. Assumere farmaci non è sempre la soluzione ideale, perché potrebbero avere effetti collaterali e controindicazioni. L’alternativa sono i rimedi naturali, utili già dal primo trimestre di gravidanza. Ma, quali sono?

da , il

    Torcicollo in gravidanza: cosa fare e i rimedi per curarlo

    Cosa fare per il torcicollo in gravidanza? Quali sono i rimedi per curarlo? Nei nove mesi capita di soffrire di piccoli e grandi fastidi, che possono compromettere la vita di tutti i giorni. La gravidanza, infatti, è un periodo caratterizzato da profondi cambiamenti, sia fisici che psichici. Il torcicollo è uno dei piccoli fastidi che la donna in attesa si può trovare ad affrontare. Assumere farmaci non è sempre la soluzione ideale, perché potrebbero avere effetti collaterali e controindicazioni. L’alternativa sono i rimedi naturali, utili già dal primo trimestre di gravidanza. Ma, quali sono le cause del torcicollo nei nove mesi?

    Cause del torcicollo in gravidanza

    stare al pc

    Il torcicollo non è un fastidio particolarmente frequente nei nove mesi. In genere, le donne che ne soffrono, sono quelle che lamentavano problemi alla schiena già prima di scoprire della gravidanza. Nei nove mesi è sicuramente più frequente soffrire di mal di schiena, a causa del peso del pancione che, però, ha generalmente un’azione sulla parte lombare (la parte terminale della colonna vertebrale). A causare il torcicollo in gravidanza, quindi, possono essere tutti quei fattori che lo determinano in generale. Assumere una postura scorretta a lavoro, ad esempio, favorisce la comparsa del torcicollo anche nei nove mesi. Ad essere più soggette a questo fastidio sono le donne che passano molto tempo davanti al pc, a causa della posizione assunta dal collo durante questa operazione. Anche assumere una posizione scorretta durante il sonno può provocare l’insorgenza del torcicollo, ad esempio quando si dorme su un cuscino molto alto. A determinare il torcicollo in gravidanza, però, può essere anche un colpo d’aria e i movimenti della testa bruschi ed improvvisi. Infine, l’ansia, uno stato d’animo molto comune nei nove mesi, causato dai cambiamenti fisici e psichici che la donna si trova a vivere. Per questi motivi il torcicollo può comparire sia ad inizio che a fine gravidanza. Ad esserne sintomo sono il dolore localizzato e la sensazione di infiammazione locale.

    Sintomi del torcicollo in gravidanza

    spalle rigide

    Il sintomo più importante del torcicollo in gravidanza è il dolore localizzato. Il torcicollo, infatti, è generalmente una contrazione anomala ed involontaria (spasmo) dei muscoli cervicali che causa la comparsa di un dolore acuto che si fa più intenso ad ogni tentativo di girare la testa verso destra o verso sinistra. In questi casi può comparire anche mal di testa forte e, più in generale, il torcicollo in gravidanza può accompagnarsi anche ad una certa rigidità del collo e delle spalle. Nei nove mesi è possibile avvertire il torcicollo prevalentemente al mattino, quando ci si alza dal letto. In questo caso è la postura assunta durante il sonno a determinarlo, evidentemente. Se, invece, il torcicollo compare nel corso della giornata è possibile che esso dipenda da uno sforzo muscolare intenso. Il sintomo del dolore, però, tende generalmente ad intensificarsi a fine giornata. Ma, come curarlo? Cosa fare in questi casi? I rimedi esistono e sono diversi.

    Rimedi per il torcicollo in gravidanza

    bagno caldo

    Cosa prendere per curare il torcicollo in gravidanza? I farmaci in gravidanza si possono assumere, generalmente, solo sotto prescrizione medica. Evitate quindi il fai da te e rivolgetevi al ginecologo anche per questo problema. Nel caso il dolore fosse particolarmente intenso, questi può prescrivere degli antidolorifici oppure dei farmaci antinfiammatori. E’ bene ribadirlo, però, evitate di assumere farmaci senza consultare il medico durante tutta la gravidanza. In alternativa è possibile ricorrere ai rimedi naturali. In questi casi, ad esempio, può aiutare un bel bagno caldo per rilassare i muscoli del collo. Questo se il dolore è particolarmente lieve. Se invece è più intenso, si possono fare degli impacchi con del sale grosso. Tra i rimedi della nonna per il torcicollo, questo è il più antico! Dovrete riscaldare il sale grosso e poi avvolgerlo in un panno, in modo che risulti caldo. Applicatelo quindi sul collo e vedrete alleviarsi il dolore. Evitate, poi, sempre di tenere una posizione scorretta quando lavorate al pc; eviterete così il cosiddetto torcicollo da tablet. Cercate anche di assumere la posizione corretta durante il sonno; un cuscino molto alto aumenta il rischio di incorrere nel dolore dovuto al torcicollo. Anche dormire senza cuscino non aiuta, perché il collo assume comunque una posizione scorretta. Cercate un cuscino non molto alto, che sia morbido, ma non troppo. Tra i rimedi naturali per il torcicollo, poi, anche quelli omeopatici, ma in questo caso, prima di assumerli, consultate il vostro ginecologo. Ancora, possono rivelarsi utili gli esercizi consigliati da un fisioterapista e i massaggi. Infine, evitate sempre i colpi d’aria e, se soffrite di torcicollo con frequenza, coprite bene il collo quando uscite. Una sciarpa calda in inverno oppure un foulard in primavera possono aiutarvi a prevenire questo fastidio anche in gravidanza.