Dodo nuovi ciondoli: il lupo e l’agnello

da , il

    Dodo nuovi ciondoli: il lupo e l’agnello

    Strano connubio quello del lupo e dell’agnello. Tutti voi conoscerete la storia che unisce queste due bestiole nella fiaba di Fedro e il crudele destino del più debole tra i due. La linea Dodo di Pomellato vuole ribaltare la favola e invertire il bene e il male. Se quindi l’agnello era il simbolo dell’innocenza qui ironicamente recita ‘innocente? Non sempre’. Capitolo inverno per il lupo che replica ‘cattivo? È una favola’. Questi simpatici e ironici ciondoli sono ottimi come idee regalo, potete farle trovare al vostro partner o a chi tenete all’interno dell’uovo di Pasqua, che ne pensate?

    Ogni anno la linea Dodo rinnova il suo parco di animali con nuovi ingressi sempre più ironici. Quest’anno è stata la volta del lupo e dell’agnello. Il brand si è liberamente ispirato alla fiaba di Fedro che vede protagonisti il lupo e l’agnello appunto che ci danno una bella lezione di vita. Ad ogni modo i due ciondoli son pensati per svelare la reale identità che si cela dentro ognuno di noi solo che spero che nessuno di noi sia un vero lupo cattivo. I due accessori sono disponibili singolarmente pensati per arricchire collanine e bracciali ma stanno bene anche insieme agli orecchini in oro giallo (per un costo complessivo di 342 euro). Ogni singolo ciondolo, lupo o agnello che sia, ha un prezzo che parte da 110 euro.

    Per chi non la conoscesse ho riportato la favola originale tradotta qui sotto, moda e ironia a parte.

    Un lupo e un agnello, erano giunti al medesimo ruscello spinti dalla sete; il lupo era superiore, l’agnello di gran lunga in basso. Allora il brigante sollecitato dalla sua insaziabile fame suscitò un pretesto per litigare. ‘Perché’, disse, ‘mi hai reso torbida l’acqua che bevevo?’. L’agnello, timoroso, di rimando : ‘In che modo posso di grazia fare ciò che ti lamenti, lupo? L’acqua scorre da te alle mie labbra’. Quello spinto dalla forza della verità: ‘Hai sparlato di me, sei mesi fa’. L’agnello rispose: «In verità non ero nato». ‘Tuo padre in verità, quello aveva sparlato di me’. E così afferra l’agnello e lo sbrana per un’ingiusta morte. Questa favola è stata scritta per quegli uomini, che opprimono gli innocenti con finti pretesti.